• A A A
  • Print Friendly

    Aggiunto da Redazione il 2012-01-29

    I Carabinieri della Compagnia di Trani e delle dipendenti Stazioni di Ruvo di Puglia e Corato, nella giornata di ieri, hanno tratto in arresto sette persone in differenti circostanze. Il primo a finire in manette, a Trani, è stato un insospettabile 26enne del luogo che, trovato in possesso di 926 grammi di marijuana, è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, durante uno specifico servizio effettuato con la collaborazione di una unità antidroga del Nucleo Cinofili di Modugno, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione del 26enne nel corso della quale hanno rinvenuto, all’interno di un locale al piano rialzato di pertinenza dell’appartamento, numerosi involucri di marijuana nascosti in un cartone e nella canna fumaria, il tutto sottoposto a sequestro. Tratto in arresto il 26enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stato associato presso la locale casa circondariale. Stessa sorte è toccata al sorvegliato speciale 45enne Raffaele Iodice, con obbligo di soggiorno nel comune di Corato, arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Trani e della Stazione di Corato, con le accuse di lesioni personali e inosservanza degli obblighi relativi alla sorveglianza speciale di P.S.. L’uomo, nel corso di una lite in strada con un 42enne, armato di coltello, ha colpito la vittima al petto procurandole lesioni giudicate guaribili in 6 giorni. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, che, sulla base delle dichiarazioni di alcuni testimoni che avevano assistito alla scena, sono riusciti ad identificare l’aggressore bloccandolo e traendolo in arresto nella serata di ieri. L’uomo, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stato associato presso la locale casa circondariale. Sempre a Corato ieri mattina i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato il 46enne Leonardo Amorese ed il 29enne Francesco Tarricone, entrambi del luogo e già noti alle Forze dell’Ordine, con le accuse di furto aggravato e danneggiamento. Una “gazzella” dell’Arma, su segnalazione di personale del locale Istituto di Vigilanza Campestre, è intervenuta presso un fondo agricolo in località “Pedale” dove ha bloccato i due mentre erano intenti a tagliare cinque alberi di ulivo, accantonando la legna sul terreno pronta per essere portata via. L’autovettura in uso ai due unitamente ad un’ascia, due motoseghe e lattine di carburante sono stati sottoposti a sequestro mentre i malfattori, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, sono stati associati presso la locale casa circondariale mentre la refurtiva è stata restituita all’avente diritto. A Ruvo di Puglia infine, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 43enne ed un 21enne albanesi incensurati e il connazionale 26enne Vladimir Broqi, già noto alle Forze dell’Ordine, sorpresi a rubare 180 kg di olive. I militari, su segnalazione dei Vigilantes del locale consorzio, sono intervenuti in località “Pozzo Sorgente” sorprendendo e bloccando i tre. Sul posto gli operanti hanno sottoposto a sequestro due teli in nylon, un asta di alluminio, tre sacchi di iuta contenenti complessivi 180 kg di olive appena raccolte e l’autovettura in uso ai malfattori. Tratti in arresto, i tre, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, sono stati associati presso la locale casa circondariale mentre la refurtiva è stata restituita all’avente diritto.

    Comando Provinciale Carabinieri Bari – Sala Stampa

    Print Friendly