• A A A
  • Print Friendly

    Aggiunto da Redazione il 2012-05-04

    Nel pomeriggio di ieri 3 maggio personale della Squadra di Polizia Giudiziaria di questo Commissariato di P.S., ha eseguito una Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa il 28 aprile u.s. dal GIP – dott. Margherita Grippo – del Tribunale di Trani, a carico di GUGLIELMI Guglielmo, cittadino andriese dell’età di 20 anni resosi responsabile dei reati di “ estorsione e violenza privata”. Nella fattispecie, in tempi diversi, mediante violenza e minacce consistite nel richiedere denaro ad un cittadino andriese, lo costringeva a farsi consegnare somme di contanti contenute fra gli euro 10,00 e gli euro 20,00, così procurandosi un ingiusto profitto con corrispondente danno per la parte offesa, approfittando, inoltre, della minore capacità di reazione e difesa di quest’ultima in quanto invalida, scelta anzi come bersaglio specifico proprio per tali caratteristiche. Inoltre, sempre al fine di assicurare a sé un ingiusto profitto, mediante violenza, afferrava e spintonava violentemente il papà del cittadino indicato precedentemente, che lo aveva rimproverato affinché lasciasse stare in pace il proprio figlio. Il tutto accadeva in più occasioni, per le vie di questo centro, fino alla data del 03.12.2011, quando le parti offese denunciavano, presso questi Uffici, le minacce, le richieste estorsive ed i comportamenti violenti e prepotenti assunti dall’indagato. Di conseguenza, in considerazione delle modalità della condotta posta in essere dall’indagato, significative di una certa sfrontatezza e dunque della mancanza di remore a commettere reati con un’assoluta non curanza per il rispetto delle persone, si rendeva necessaria, quale unica misura adeguata alla gravità dei fatti contestati, la custodia cautelare in carcere.

    POLIZIA di STATO
    COMMISSARIATO di P.S. di ANDRIA

    Print Friendly