“Il Vangelo secondo Matteo” di Pasolini girato anche a Castel del Monte

pasoliniStupendo, magnifico, indicibile il film “Il Vangelo secondo Matteo” (1964) di Pier Paolo Pasolini. Proiettato, qualche giorno fa, nell’Auditorium del Liceo Scientifico Statale “Nuzzi” di Andria per ricordare i 50 anni del capolavoro del grande scrittore saggista, poeta e regista. Che abissale differenza rispetto al Cristo di Mel Gibson. Poeta raffinatissimo Pasolini, cruento e sanguinario Gibson.

Ma la sorpresa maggiore è che “Il Vangelo secondo Matteo” fu girato nei Sassi di Matera e udite! udite! a Castel del Monte. Sì, avete letto bene, proprio nel nostro bel castello federiciano. Pasolini precorre i tempi, comprese l’unicità di Matera e di Castel del Monte, i quali, parecchi anni dopo, divennero patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il suo film testimonia lo stato di degrado dei due siti.

Dopo la proiezione del film di Pasolini (che consiglio a tutti di vederlo), un terzetto composto dal prof. MICHELE ZAGARIA (voce e chitarra acustica), il prof. TATULLO (armonica a bocca) e l’ex studente dello Scientifico “Nuzzi” CLAUDIO SURIANO (chitarra elettrica) ci ha deliziato con due celeberrime composizioni di Fabrizio De Andrè: “Le tre madri” e “Il testamento di Tito”.

L’avvicinamento di Pasolini e De Andrè non è casuale: come ha sottolineato il prof. MICHELE PALUMBO, sono due grandi atei, ma accomunati da un identico afflato mistico e spirituale.

Serata indimenticabile promossa dal prof. PALUMBO, al quale va il grazie di tutti i presenti.

Aggiungo una brevissima appendice: in occasione delle riprese del film, Pasolini venne in Andria, in Piazza Porta la Barra a caccia di comparse cinematografiche. Me lo ha riferito un amico, allora dodicenne, che fu scelto da Pasolini in persona. I suoi genitori, però, gli vietarono di parteciparvi. Un medico mi ha detto che studiò all’Università della Sapienza a Roma e in un bar del quartiere conobbe il Pelosi in persona, autore dell’omicidio di Pasolini.

E’ davvero sorprendente questo intreccio tra Pasolini, la Puglia, Castel del Monte e Andria!

prof. Riccardo Suriano