Sicurezza treni: “Delrio annuncia aumenti fondi dopo strage di Andria, poi a sorpresa li riduce”

Delrio
“Continuano le chiacchiere del ministro Delrio. Dopo l’incidente ferroviario che ha provocato 23 vittime tra Andria e Corato aveva promesso 1,8 miliardi di euro per la sicurezza delle tratte ferroviarie regionali italiane ed invece oggi annuncia che gli stessi soldi si riducono a soli 300 milioni. Cifra che si riduce di sei volte rispetto all’annuncio e che deve essere ancora stanziata. Le chiacchiere per farsi belli davanti ai morti non corrispondono ai fatti che vengono fuori quando l’attenzione si è spenta.

Io non dimentico!!!” è il commento della consigliera regionale Grazia Di Bari in merito alle ultime novità circa i fondi destinati alla messa in sicurezza delle tratte ferroviarie.

Occorre anche ricordare che giorni successivamente alla strage ferroviaria, il Governo Renzi ha stanziato circa dieci milioni di euro a favore delle famiglie vittime, mentre, paradossalmente i fondi destinati alla messa in sicurezza, che secondo un articolo diffuso da Il Fatto Quotidiano ed un comunicato da un ingegnere dei trasporti andriese, ammonterebbero a centinaia di migliaia di euro, non vengono sbloccati. I soldi, anche senza i fondi europei, ci sono. Perché non vengono distribuiti per evitare le stragi?