Andria partecipa al Bando per la riqualificazione delle periferie con Barletta e Trani

BAT-periferie-2Il Comune di Andria parteciperà al “Bando per la presentazione di progetti per la predisposizione del Programma Straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia”.

Il Programma, come si evince nel Bando, si attua attraverso la promozione di progetti di miglioramento della qualità del decoro urbano, di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti, rivolti all’accrescimento della sicurezza territoriale e della capacità di resilienza urbana, al potenziamento delle prestazioni urbane, per l’inclusione sociale e per la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano, anche con riferimento all’adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e culturali, educativi e didattici, nonché alle attività culturali ed educative.

Il Bando è rivolto ai Comuni capoluogo e alle Aree Metropolitane.

Considerato che Andria è co-capoluogo della Provincia, insieme a Barletta e Trani risultava necessario presentare progetti che riguardassero i tre co-capoluogo integrati, raccolti e sistematizzati in una proposta unitaria. A questa intesa sono giunti nell’incontro tenutosi il 3 agosto presso il Comune di Trani i Sindaci di Andria, Barletta e Trani.

Pertanto, il 4 agosto la Giunta Comunale di Andria ha deliberato di aderire al Bando con l’obiettivo di produrre una proposta unitaria e coordinata con gli altri Comuni co-capoluogo, secondo le indicazioni del Bando stesso.

Rispetto ai temi così complessi come quelli del recupero e della riqualificazione fisica e sociale delle periferie l’Amministrazione ha fornito specifico indirizzo affinché siano considerati nell’elaborazione della proposta:
– i progetti che riguardano i temi della riqualificazione delle periferie, anche con specifico riferimento alle caratteristiche morfologiche della Città di Andria caratterizzata dalla presenza della cosiddetta “edilizia spontanea” che occupa ampie parti dei territori costruiti e necessita di mirati ed opportuni interventi utili ad elevare la qualità della vita degli abitanti;
– il progetto già elaborato ai fini del Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate che interessava il quartiere San Valentino.

L’azione amministrativa di concerto tra i Capoluoghi dovrà portare, nei tempi ristrettissimi previsti dal Bando, ad una proposta comune e condivisa che possa avere ricadute positive di carattere economico e sociale sul nostro territorio.

Ufficio Stampa Comune Andria