“Fiera del Peperoncino” il 3 e 4 settembre presso il Chiostro di San Francesco di Andria

peperoncinoNei giorni 3 e 4 settembre 2016, presso il Chiostro Comunale di San Francesco, ad Andria, si svolgerà la Fiera del Peperoncino, organizzata da Michele Melillo che esporrà piante di varie specie di peperoncino provenienti da varie parti del mondo.

Le piante potranno essere acquistate e si avrà la possibilità di degustare prodotti tipicamente piccanti accompagnati da un sorso di vino veramente speciale, il “Marzemino” un vitigno autoctono italiano di origini antiche. Sembra infatti sia stato importato in Italia da una città chiamata Merzifon, situata sul Mar Nero, alla fine della guerra di Troia. La sua notorietà è dovuta alla citazione di Wolfang Amadeus Mozart nell’opera “Don Giovanni”.

La manifestazione osserverà i seguenti orari:

Sabato 3 settembre p. v. inaugurazione con le Autorità civili. A seguire degustazione di prodotti tipicamente “piccanti” quali bruschette con patè di peperoncino, di anduia (una carne di maiale cruda impastata con peperoncino ed aromi naturali, conditi alla pugliese) e formaggio fresco piccante preparato dall’Azienda Casearia “Montronella”. La chiusura prevista alle ore 23.
Domenica 4 settembre p. v., invece ci sarà l’apertura al mattino dalle ore 09 alle 13 e a seguire, nel pomeriggio dalle ore 19. alle 23.00 anche per questa serata ci sarà la degustazione dei prodotti enogastronomici tipici.

«La Fiera vuole lanciare un messaggio –sottolinea il suo organizzatore, Michele Melillo- per l’uso del peperoncino come uno strumento dilatatore naturale per i vasi sanguigni, laddove è chiamato anche “lo spazzacamino delle arterie”, e quindi sfatare l’idea che consumare il peperoncino in estate fa male allo stomaco. Alcuni medici consigliano di usare non più di 7 grammi al giorno, anche in estate, praticamente il peperoncino deve sostituire quasi sempre il pepe in tutto l’arco dell’anno».

L’organizzatore sarà a disposizione di quanti chiederanno informazione in merito alla cura delle piante e il modo di conservazione del frutto e della pianta stessa.