Indagine sulla ex Provincia a Bari: ordinato sequestro beni per gli otto indagati. C’è anche l’ex vice-presidente

gdf-guardia-di-finanzaArriva ad una svolta l’indagine della Guardia di Finanza su amministratori e funzionari dell’ex Provincia di Bari. L’accusa è di aver favorito alcuni imprenditori locali con l’assegnazione di commesse per la realizzazione di lavori pubblici. Il Gip ha ordinato, per gli otto indagati, il sequestro di beni per un valore di 240mila euro.

Anna Maurodinoia, all’epoca dei fatti Vice-presidente del Consiglio provinciale, tre dipendenti dell’Ente e tre imprenditori. L’indagine, nata da uno stralcio del procedimento a carico degli imprenditori Alviero ed Erasmo Antro, coinvolge anche funzionari e dipendenti dell’ente. Negati invece dal gip sei arresti chiesti dalla Procura.


I reati contestati a vario titolo a 22 indagati partono dalla corruzione sino alla truffa aggravata, dalla frode in pubbliche forniture al falso in atto pubblico. La richiesta di applicazione delle misure è stata firmata dalla Procura nell’agosto scorso.

Non risulterebbe più invece tra gli indagati l’ex presidente dalla Provincia Francesco Schittulli, la cui posizione è stata stralciata e va verso l’archiviazione, poiché dagli accertamenti eseguiti non sarebbe risultato un suo coinvolgimento nei presunti illeciti.