Il Presepe della Cattedrale di Andria realizzato con sculture lignee quattrocentesche, una storia secolare – FOTO

Tornano a splendere anche in occasione del Natale 2016, le statue lignee quattrocentesche della Madonna e di San Giuseppe in un nuovo allestimento nella Cattedrale di Andria curato da don Gianni Agresti e don Nicola de Ruvo. L’opera quattrocentesca fu molto apprezzata dal compianto Mons. Lanave, al quale è stato dedicato anche un Evangelario che lo stesso Vescovo fece decorare all’epoca da alcuni artisti andriesi. Dopo accurate analisi sulle sculture lignee, si è giunti ad ipotizzare che l’opera possa essere frutto di un riutilizzo di materiale iconografico della scultura lignea di un Re Magio.

Per seguire tutte le puntante e tutte le iniziative della rubrica "Andria Antica" clicca Mi piace sulla nostra pagina!

Lo stesso Monsignor Lanave, in una pubblicazione, a proposito dell’opera scultorea, dichiarò quanto segue: “Il gruppo ligneo e dipinto risale al tempo di mons. Angelo Florio, di nobile famiglia andriese, e vescovo di Andria dal 1477 al 1495. Egli conferì alla Cattedrale, rinnovata nelle forme architettoniche, magnificenza di arredi e solennità di liturgia latina”.

Qui sotto alcuni scatti fotografici realizzati dalla nostra redazione:

“Mentre promuoveva nel Cappellone la devozione di san Riccardo,” – proseguiva Lanave – “nella cappella vicina diede marcato risalto al Presepe e alla Natività. Fine e di sapore gotico è la Madonna. È popolare il tipo di San Giuseppe. sanno tutti e due degli Alamanno e di Laurana, che alla fine del XIV secolo erano entrati nella regione come ispiratori e creatori di modelli”. La statua di San Riccardo oggi: 


-- Segui tutti gli aggiornamenti! --
clicca "MI PIACE" sulla Pagina di VideoAndria.com:

- Canale Telegram --> CLICCA QUI
OPPURE
-- Partecipa alla discussione iscrivendoti a: --
- Gruppo Whatsapp richiedendolo al numero WHATSAPP:353-318-7906
- Gruppo Telegram --> CLICCA QUI
- Invia Segnalazioni al numero WHATSAPP:353-318-7906

Puoi seguire le news e inviare segnalazioni anche sul seguente gruppo Facebook: CLICCA QUI