Andria e il tizio registrato in un VIDEO mentre getta rifiuti in via Ospedaletto. L’ennesima storia di degrado culturale

Ma chi è che abbandona rifiuti ad Andria? Da quello che si comprende in alcune registrazioni, prima diffuse mesi fa dallo stesso Sindaco Giorgino attraverso un significativo video e poi anche segnalati dagli stessi cittadini, ad abbandonare i rifiuti molti concittadini! Magari poi gli stessi che si lamentano del servizio rifiuti e di altri potenziali disservizi!

Ma poi che senso ha considerato che abbiamo isole ecologiche? Senza poi contare i numerosissimi appelli di chi, come il prof. Martiradonna, segnala quasi quotidianamente incendi appiccati da anonimi soggetti nelle campagne di Andria, che comportano la combustione di materiali quali biomassa e polistirolo, che ovviamente poi, non solo compromettono la vita di piante ed animali ma anche la nostra, immettendo quantità di Co2 e diossina. Uno schifo.  Molti nostri concittadini (non tutti, sia chiaro, c’è chi la raccolta differenziata la fa in maniera impeccabile) hanno urgentemente bisogno di lezioni di cultura all’educazione ambientale o forse in alternativa anche a sedute psichiatriche.  Chiediamo a tutti i cittadini di segnalare questi zozzoni, anche con video e foto, informando le autorità competenti (Polizia Municipale, Assessorato all’Ambiente del Comune di Andria). Non devono passarla liscia. 

In questo caso, il filmato che mostra un soggetto abbandonare rifiuti in via Ospedaletto è stato diffuso anche su Youtube. Il Link diretto:

CLICCA QUI PER VEDERE IL FILMATO DEL SOGGETTO CHE ABBANDONA RIFIUTI NEI PRESSI DI VIA OSPEDALETTO


-- Segui tutti gli aggiornamenti! --
clicca "MI PIACE" sulla Pagina di VideoAndria.com:

- Canale Telegram --> CLICCA QUI <--
OPPURE
-- Partecipa alla discussione iscrivendoti a: --
- Gruppo Whatsapp richiedendolo al numero WHATSAPP:353-318-7906
- Gruppo Telegram --> CLICCA QUI <--
- Invia Segnalazioni al numero WHATSAPP:353-318-7906
Puoi seguire le news e inviare segnalazioni anche sul seguente gruppo Facebook: CLICCA QUI