“A rischio gli eventi dell’estate della Provincia BAT, pronti a presentare denunce se necessario”

La Regione Puglia emana la nuova ordinanza alla luce dell’aggravarsi della condizione epidemiologica causata dal virus Sars-CoV-2 (attribuito alla sindrome da Covid-19) ed ecco che l’allarme cresce anche nei comuni della Provincia Bat dove sono tantissimi gli eventi pubblici, con libero accesso, che si stanno svolgendo in questi giorni, in queste ore. In particolare nelle città di Trani e di Bisceglie i flussi di avventori sono enormi quindi la peggiore condizione che ha sollecitato la Regione Puglia ad assumere il drastico provvedimento già in vigore. A prendere la parola è il Presidente Unibat, Coordinatore CasAmbulanti, Savino Montaruli, che ha dichiarato:

“non solo il Covid-19 è diventato antidemocratico ma si è pure divertito a buggerare alcune categorie rispetto ad altre. Infatti quando la situazione epidemiologica del Covid-19 faceva registrare la Puglia Covid Free venivano vietate le Fiere, le Feste e le Manifestazioni pubbliche ambulanti già calendarizzate mentre ora che siamo di nuovo in pandemia nelle città di Trani, di Bisceglie ed altre continuano manifestazioni con enormi afflussi di pubblico. E’ qualcosa di scabroso e di indefinibile che umilia i lavoratori e premia invece gli interessi, seppur legittimi, che ruotano attorno a certi eventi cui nessun impedimento viene frapposto. Ora, di fronte alla nuova Ordinanza del Governatore della Puglia, Michele Emiliano, molto restrittiva, mi chiedo come si comporteranno i Sindaci di quelle città visto che sarebbero direttamente responsabili di quanto dovesse accadere nei luoghi pubblici ove tali manifestazioni si stiano svolgendo, soprattutto al di fuori dei perimetri di precauzione. Forse sarebbe il caso che costoro abbiano un guizzo di coraggio e la smettano di chiudere gli occhi o peggio di essere tutori della salute pubblica “a tempo” e “a seconda degli interlocutori”. Le lavate di faccia, inoltre, che abbiamo letto in queste ore da parte di chi sta dietro al giochetto del dentro e fuori, in particolare rappresentanti di un certo mondo polisindacale asservito, non sortiranno alcun effetto se non quello di rendere più trasparente e limpido il livello di ipocrisia dilagante”. Intanto le Associazioni di tutela sono pronte a presentare denunce per epidemia colposa.

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).