Abbandono rifiuti ad Andria: “da contrada Zagaria a via Canosa anche sotto i vigneti, uno schifo totale” – VIDEO e FOTO

“Da contrada Zagaria, traversa “Scanna Gallina”, arrivando su via Vecchia Canosa uno schifo totale” – è quanto segnalato da un cittadino andriese in merito al fenomeno di abbandono rifiuti nel territorio periferico della città di Andria. L’ennesima vergognosa scoperta che testimonia come ai controlli e alle fototrappole a mettere i bastoni tra le ruote alla corretta raccolta differenziata porta a porta sia ancora oggi una considerevole fetta di cittadini che per motivi stupidi ed insensati preferisce abbandonare i rifiuti piuttosto che differenziarli o trasportarli presso l’isola ecologica in caso di rifiuti ingombranti.

Insomma, ci risiamo: nonostante i continui tentativi di sensibilizzazione della cittadinanza, gli appelli per una raccolta differenziata che possa in qualche maniera limitare il conferimento nelle discariche con potenziali risparmi sia in fatto di ambiente e salute che di costi effettivi a carico per il comune, ancora troppi cittadini incivili abbandonano rifiuti, ovviamente facendolo il più delle volte nelle zone meno trafficate della città. Li dove evidentemente servirebbero ulteriori fototrappole e controlli finalizzati ad elargire multe ai trasgressori. L’ennesima segnalazione, come sempre, è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal  proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui).  Il VIDEO:

 

Alcuni di questi rifiuti sono stati abbandonati persino nei pressi di zone agricole, come documenta il seguente scatto fotografico:

ancora un altro scatto fotografico:

Non ci stancheremo mai di ribadire il semplice ma importante concetto: per reati di abbandono rifiuti, come sempre, ricordiamo che potrebbero prevedere l’applicazione di sanzioni mediante l’ausilio di controlli e di analisi delle immagini di impianti di videosorveglianza come già reso noto dallo stesso sindaco di Andria attraverso alcuni filmati diffusi anche  sui social.  In quel caso si trattava di cittadini individuati dalle targhe dei propri mezzi perché provvisti di veicoli durante il momento dell’abbandono dei rifiuti, mentre in questi casi i soggetti andrebbero identificati soprattutto attraverso l’analisi dei volti, operazione certamente più impegnativa ma che andrebbe fatta per insegnare ai più “zozzoni” che l’abbandono dei rifiuti è un atto sempre ed in ogni caso da evitare.

Alcuni di questi rifiuti potrebbero benissimo essere differenziati, ma la presenza di rifiuti gettati uno sopra l’altro comporta quasi sempre l’aumento dell’indifferenziato, con il conseguenze aumento del conferimento in discarica e quindi anche l’aumento dei costi per l’amministrazione comunale che inevitabilmente finiscono poi per aggravare quelli delle tasse.

Insomma, gli andriesi (o coloro che in queste ultime sere fuori da fuori Andria sono venuti in villa) sembra ancora non hanno ben compreso cosa è indispensabile per migliorare la nostra vita. Ringraziamo i cittadini che con evidente indignazione e determinazione hanno deciso di segnalare questo schifo a cielo aperto, nella speranza che tutti i cittadini possano denunciare e segnalare, magari anche con foto e video, i “zozzoni” di turno.