Abbandono rifiuti ad Andria, Onda d’Urto: “adesso basta, la una campagna di sensibilizzazione la facciamo noi”

“Il Direttivo Onda d’Urto – Uniti contro il cancro, visto e considerato l’incapacità di chi preposto di sensibilizzare i proprio cittadini, avvierà a breve una campagna di sensibilizzazione per quanto riguarda la RACCOLTA DIFFERENZIATA” – è il messaggio diffuso nelle ultime ore dalla Pagina Facebook dell’associazione “Onda d’Urto – Uniti contro il Cancro ONLUS” di Andria.

Quello dell’abbandono rifiuti nel territorio della città di Andria è un fenomeno non più occasionale ma oggetto di costanti situazioni che vanno inevitabilmente a danneggiare l’immagine della città nonché le condizioni ambientali del territorio cittadino e quindi anche la salute degli stessi residenti. Negli ultimi giorni sono stati anche segnalati alcuni roghi: rifiuti vengono troppo spesso bruciati da ignoti causando l’inalazione di pericolosi fumi contenenti polveri sottili e diossine. Tutto ciò non è passato inosservato ad un’associazione cittadina che da tempo si sta battendo per individuare le cause dei tumori in città.

“Purtroppo” – si legge nella nota di Onda d’Urto diffusa sui social – “sono troppe le segnalazioni che ci segnalano un menefreghismo dilagante per fare chissà quale dispetto all’amministrazione pubblica per gli aumenti della TARI. Sappiate che non siete assolutamente GIUSTIFICATI a compromettere il nostro territorio e LA NOSTRA SALUTE. BASTA CON I RIFIUTI NELLE CAMPAGNE, BASTA CON LO SCEMPIO NEL CENTRO STORICO E SOPRATTUTTO BASTA IGNORANTI”.