Ad Andria “Bebè sospeso”: donare prodotti per bambini invece che un semplice caffè

Viviamo in un tempo in cui, diverse famiglie sono in affanno e spesso sono isolate e difficilmente chiedono aiuto, nonostante le molteplici difficoltà quotidiane.  La solidarietà -carità resta un valore essenziale per chi vuol essere d’aiuto a chi stenta ad andare avanti. Dall’antica tradizione del caffè sospeso di Napoli, diverse sono le iniziative che si ispirano al “sospeso”: dal pane, ad una visita medica…, la solidarietà si è adoperata per trovare nuovi modi per essere di aiuto.

Sanitaria + Benessere & Bimbo ha pensato all’iniziativa “Il sospeso per un bebè” per sostenere il servizio “sacchetto per neonati”, contenenti generi di prima e di seconda necessità, aperto il martedì dalle 10:00 alle 12:00, portato avanti da casa accoglienza “S. Maria Goretti” della Diocesi di Andria, con sede in via Quarti 11, ad Andria. È un progetto mirato ai neonati e bimbi fino a 2 anni la cui famiglia è in difficoltà economica.

Il “sospeso per un bebè” è così pensato: si acquista un prodotto (adatto a questa fascia di età) o si versa la cifra corrispondente nell’apposito contenitore e lo si lascia in sospeso per un bambino di famiglia disagiata. A promuovere l’iniziativa è la Sanitaria + Benessere & Bimbo di Andria, con le due sedi in viale Virgilio 1/A (ang. via Trani) e via Monte Nero 2 (ang. via Bisceglie). A scadenza stabilita, i responsabili della Casa di Accoglienza “S. Maria Goretti” della Diocesi di Andria provvederanno al ritiro dei prodotti “sospesi” che saranno utilizzati per soddisfare le esigenze dei bambini che ne hanno bisogno e perciò seguiti nel “Servizio neonati”. Non è tutto: sempre per Casa Accoglienza, in giorni stabiliti, la sanitaria si offre di raccogliere abbigliamento, scarpine, giocattoli e tutto ciò che può servire a bambini di età da 0 ai 2 anni.