Ad Andria c’era un castello in città e forse un tunnel sotterraneo: le origini e la leggenda di un edificio misterioso – link video

Un tempo, anche la città di Andria aveva un “castello“. No, per una volta non parliamo di Castel del Monte ma di un altro edificio situato nel centro cittadino, a pochi metri da Piazza Catuma e nel centro storico:

[particolari delle fondazioni presenti nei sotterranei del lato Nord (Catuma) – elab. elettr. su foto di S. Di Tommaso – 19/05/2004 – andriarte.it]

Un castello cui basi furono probabilmente costruite inizialmente dai normanni ma perfezionato in epoca Sveva (periodo di Federico II). Le tracce di questo antico edificio sarebbero ancora oggi nascoste tra le mura dell’attuale Palazzo Ducale, che ne avrebbe inglobato di fatto l’antica struttura, un tempo fortificata. Non a caso, sarebbe stato proprio nell’edificio che Jolanda – moglie di Federico II – partorì prima di morire (fu poi seppellita nella cripta della Cattedrale di Andria, cui spoglie sono ancora oggi conservate al suo interno). Federico di Antiocia – figlio dell’imperatore – poi, vi soggiornò. Il castello sarebbe stato anche dimora di un’altra figlia di Federico II: Margherita di Sicilia. Nel periodo Angioino, l’edificio fu utilizzato dai dei Del Balzo per poi passare alla famiglia dei Carafa. La presenza di un possibile passaggio segreto sotterraneo, poi, sarebbe stata menzionata dai paesani nel corso dei secoli trasformandosi, in seguito, attraverso interpretazioni fuorvianti, nella leggenda del passaggio sotterraneo che dalla città avrebbe portato sino a Castel del Monte (quest’ultima ipotesi piuttosto inverosimile). L’ormai leggendario “sotterraneo del castello” non sarebbe stato quello tra Andria e Castel del Monte, bensì quello del “castello di Andria“. Questo, tenendo pur conto che VideoAndria.com realizzò anni fa alcuni video che documentavano la presenza di un misterioso locale sotterraneo situato nella pineta di Castel del Monte (link al post qui), nulla a che vedere con le leggende del cosiddetto tunnel, che però potrebbero basarsi anche sulla presenza di questi manufatti. Riguardo il castello di origini normanne un tempo situato nel centro cittadino, invece, l’affascinante argomento è stato oggetto di un breve ma interessante filmato con protagonista il dott. Di Gioia – autore di alcune pubblicazioni dedicate all’affascinante edificio storico – diffuso su YouTube dalla sezione locale dell’associazione Italia Nostra. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link al video:

 

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.