Ad Andria frutta gratis alle famiglie con basso reddito: prosegue la bella iniziativa – VIDEO

Milletrecento casse di clementini, per un totale di 13 mila chili provenienti dalla Calabria, sono giunti nella serata di ieri, venerdì 3 novembre, nel piazzale antistante la scuola pimaria “Aldo Moro” a sostegno delle famiglie indigenti di Andria.

La distribuzione è avvenuta grazie alle segnalazioni dei nuclei bisognosi e tramite Onlus che hanno beneficiato di grandi quantitativi da devolvere. L’ associazione di promozione sociale “Bethel” è un ente di beneficenza. Il presidente é Vanni Bandesan mentre la delegata della filiale di Andria è la Sig.ra Giustina Ciciriello. Il progetto, ideato dal presidente Bandesan, denominato “Fruttiamo nel sociale“, vede coinvolte le famiglie italiane indigenti. In Andria sono state distribuite 1300 casse di clementini, molte di queste ad alcune associazioni onlus e di Protezione civile.

La Bethel Italia ha 70 filiali in 14 regioni e attualmente sta aiutando circa 5 mila famiglie in tutta Italia. Grazie alla splendida collaborazione del team dei volontari e alla consigliera Giovanna Bruno che crede fermamente in questo progetto si è riusciti ad operare da qualche tempo anche ad Andria. “Un particolare ringraziamento viene rivolto alla Dirigente scolastica prof. Lilla Bruno che continua ad aprire le porte della sua scuola a questo progetto. Ma il grazie più sentito va a Nostro Signore Gesù Cristo che continua a benedirci”, ha tenuto a sottolineare la Sig.ra Ciciriello.

La professoressa Bruno, con il susseguirsi di tali appuntamenti, tende ancora una volta la mano ai cittadini in difficoltà: “Si tratta di un piccolo gesto che nella sua semplicità cerca di dimostrare, compatibilmente alle possibilità delle realtà locali, vicinanza e calore umano. Ringrazio ancora una volta l’associazione Bethel e la dirigente scolastica Lilla Bruno che, con professionalità e dedizione, permettono il periodico riproporsi di queste iniziative che vanno strutturandosi in un vero e proprio progetto volto alla beneficenza”.

Linkiamo qui sotto un video diffuso sul Canale YouTube di Tele Sveva: