Ad Andria non puoi sparare i botti a Capodanno ma puoi venderli tranquillamente in piazza

Ad Andriadice l’ordinanza sindacale – non si potranno sparare i botti di ogni tipo di fuoco d’artificio, benché di libera vendita tra il 31 dicembre ed il 1° gennaio 2019 a partire dalle ore 20.00 e fino alle ore 7.00 del giorno successivo. Lo stabilisce un’ordinanza sindacale pubblicata oggi.

Quel “benché di libera vendita” fa comunque riflettere visto e considerato che persino nella piazza centrale della città federiciana (ci riferiamo ovviamente a Piazza Catuma) sono presenti diverse bancarelle che già dalle prime ore dell’alba stanno vendendo molteplici tipologie di botti di Capodanno (si suppone, di tipologia legalizzata). Il tutto avviene in maniera legale e con autorizzazioni. A questo auspichiamo che le forze dell’ordine intensifichino i controlli anche al di fuori del centro storico in quanto i rischi della presenza di venditori abusivi possono comunque esserci. 

Una domanda resta sostanzialmente senza risposta:  se questi “botti di Capodanno” non potranno essere utilizzati a Capodanno, quando verranno utilizzati dagli andriesi che si apprestano ad acquistarli? Un sospetto noi lo abbiamo ma non vogliamo pensare a male. Tuttavia, inutile prendersela con la politica: come ricorda anche il Sindaco della vicina Bari, emettere ordinanze non servirà a molto sino a quando in città non avverrà una vera e propria presa di coscienza collettiva capace di mettere da parte le usanze stupide e pericolose. Un augurio speciale a tutti coloro che finalmente quest’anno preferiranno risparmiare i soldi dei botti regalando veramente un anno nuovo all’insegna della salute propria e dell’ambiente in cui viviamo, mettendo al sicuro anche bambini ed animali. 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).