Ad Andria si è discusso del trasferimento del mercato settimanale di Molfetta, ecco cosa è stato approvato durante le Assemblee Generali

Nella foto: Vincenzo Todisco con Savino Montaruli

Svoltosi ad Andria, l’assemblea promossa da CasAmbulanti ha visto l’approvazione di un Ordine del Giorno dalle Assemblee Generali del 30 gennaio 2020 e del 6 febbraio 2020. Riportiamo qui sotto il comunicato a firma di Vincenzo Todisco (Segretario nominato dall’Assemblea):

Noi sottoscritti, concessionari di posteggio nel mercato settimanale che si svolge il giovedì nel comune di Molfetta, riuniti in Assemblea nella città di Andria, presso la Sala Attimonelli in Corso Cavour, nelle giornate di giovedì 30 gennaio 2020 e giovedì 6 febbraio 2020, approviamo il seguente Ordine del Giorno da inviare a S.E. il Prefetto di Bari ed al Sindaco della città di Molfetta, incaricando alla stesura e firma del presente documento il signor Vincenzo Todisco, nominato dall’assemblea ad esercitare funzione di Segretario. Il signor Todisco accetta.

PREMESSO:
– che l’Amministrazione comunale ha disposto il trasferimento del mercato settimanale del giovedì in via Mons. Bello ed aree limitrofe ed adiacenti;
– che noi sottoscritti, per il tramite delle Associazioni di Rappresentanza CASAMBULANTI e UNIPUGLIA, abbiamo espresso parere negativo a tale trasferimento, così come hanno fatto anche altre Associazioni di Categoria nel corso di incontri e riunioni tenutesi presso il comune di Molfetta, su convocazione dell’A.C.;
– che tra i tanti motivi posti alla base del parere negativo abbiamo altresì sottolineato l’estrema pericolosità dell’area individuata dal comune che risulta essere allocata immediatamente a ridosso con postazioni ed aree a parcheggio allocato nell’area sottostante alla Strada Statale 16 bis;
– che in circostanze analoghe si sono registrati gravissimi incidenti stradali che solo per puro caso non hanno provocato una strage, come nel caso della città di Trani ove un mezzo pesante rimase in bilico dopo aver urtato e sfondato il guard rail oppure quando una cisterna prese fuoco in altra località, in un tratto di viabilità analogo;
– che l’area individuata dal comune, da noi contestata, è sovraesposta a fortissimi venti, come nel caso del giorno giovedì 6 febbraio 2020 con le staccionate e recinzione di cantiere completamente divelte, come dimostrato da documentazione fotografica e video;
– che se in quel contesto si fossero trovate le postazioni di vendita utilizzate dagli ambulanti, con ombrelloni ed attrezzature estremamente sensibili alla furia del vento, si sarebbe verificato un vero disastro;
– che in un comunicato stampa del 5 febbraio 2020, i due Rappresentanti di Confcommercio e della Confesercenti, dopo aver affermato di aver incontrato l’Assessore alle Attività Economiche, hanno dichiarato : “… E’ notizia poi delle ultime ore che l’amministrazione comunale di Molfetta ha individuato una ulteriore area nella zona di espansione a levante della città, da adibire ad area mercatale, la quale in un prossimo futuro potrebbe sostituire totalmente l’area polifunzionale individuata a ridosso di Viale Monsignor Bello.”;
– che lo stesso Assessore alle Attività Economiche ha pubblicamente riconosciuto le difficoltà manifestate dagli Operatori che hanno dato parere sfavorevole al trasferimento;
– che la ricerca di altre aree da parte dell’Amministrazione comunale è la plastica dimostrazione che il trasferimento del mercato in via Mons. Bello non sia un trasferimento definitivo, come invece indicato in tutti gli atti prodotti dall’Amministrazione comunale, peraltro contestati in quanto difformi da quanto previsto dalla vigente normativa regionale;
– che a questo punto, alla luce della consapevolezza da parte dell’Amministrazione comunale che sia necessario ricercare ed adottare altre aree dove eventualmente trasferire il mercato;
– che nelle more dell’individuazione di tali nuove aree alternative a via Mons. Bello si ritiene opportuno che il mercato possa tranquillamente restare operativo nell’attuale sede che non arreca alcun elemento di disturbo né ha mai fatto registrare problematiche che siano riconducibili ai concessionari di posteggio ….. tutto quanto premesso,
con la presente siamo a CHIEDERE un intervento immediato del Prefetto di Bari e del Sindaco di Molfetta il quale ha già assunto impegni nel recente incontro avuto con le nostre Rappresentanze di UniPuglia e di CasAmbulanti, affinché l’Amministrazione comunale cittadina, che abbiamo già incontrato rappresentando le nostre rimostranze, soprassieda al trasferimento del mercato settimanale del giovedì in tale area pericolosa e, nelle more, si impegni seriamente a ricercare ed individuare le nuove aree alternative, come la stessa A.C. avrebbe affermato a Confcommercio ed a Confesercenti di voler fare, consentendo la prosecuzione dello svolgimento del mercato nell’attuale area mercatale. Andria, 6 febbraio 2020 – Il Segretario nominato dall’Assemblea
f.to signor Vincenzo Todisco”