Ad Andria troppi giovani consumano alcol e droga, dati allarmanti – Video

Si è svolto come previsto questa mattina presso l’Istituto di Scuola Superiore ITES “E. Carafa”, il convegno dal titolo: “Giovani, Droghe e Alcool. L’importanza della prevenzione, tra coscienza e incoscienza”. Un dibattito intelligente ed utile se consideriamo l’aumento di uso di alcol e droga anche tra i minorenni. Una questione che, oltre a sforare di gran lunga il limite della legalità, colpisce soprattutto lo stato psico-fisico dei giovani cittadini che si vedono coinvolgere da queste errate abitudini a causa di uno stile di vita scorretto o di un evento traumatico che poi li spinge ad assumere sostanze pericolose per il loro organismo.

Per questo si è discusso ampiamente durante l’incontro promosso dal preside Vito Amatulli per analizzare la problematica sociale con medici e con operatori del diritto agli studenti. L’incontro è stato moderato dall’avv. Antonio Nespoli, dal dott. Gianfranco Mansi, (responsabile Servizio Dipendenze Andria Asl Bt); dalla dott.ssa Maria Coniglio (a nome dell’Associazione Italiana per la donazione di organi), dall’avv. Annalisa Paradiso e dal dott. Fabrizio Gargiulo (Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato).

Linkiamo qui sotto il video di un servizio televisivo locale (fonte: Canale YouTube di Amica9tv):

Durante l’incontro, è stato proiettato il docu-film Giorgia Vive” diretto dal regista Ambrogio Crespi che racconta “La storia di una fine che è solo l’inizio”, quella di Giorgia Benusiglio, una ragazza milanese nata nel 1982 che a soli 17 anni ha rischiato di morire a causa di una pasticca di ecstasy. Il video del trailer del documentario: