Aggredita a martellate e rapinata in casa, gioielliera di Canosa muore nell’ospedale “Bonomo” di Andria

ospedaleIeri sera a Canosa di Puglia l’ennesimo tragico episodio. Maria Melziade, una donna di 75 anni, gioielliera in pensione, è stata aggredita e rapinata in casa, perdendo la vita.

La donna era rientrata da poco ed era in attesa del rientro del marito,  il quale stava parcheggiando l’auto nel garage quando la 75enne ha sentito suonare il campanello e istintivamente ha aperto credendo si trattasse del marito.

A quel punto l’aggressione: l’anziana signora è stata aggredita violentemente da qualcuno che l’ha immobilizzata e colpita più volte sul volto e sulla testa con un martello.

Dopo aver rubato denaro e preziosi, l’aggressore è fuggito. La donna è stata trasportata all’Ospedale “L.Bonomo” di Andria, dove è deceduta. Sono in corso indagini per risalire all’identità dell’aggressore.