Ancora furti di olive nelle campagne andriesi “presto incontro con Commissariato”

Le preoccupazioni sollevate periodicamente dal C.L.A.A. (Comitato Liberi Agricoltori Andriesi), specie nei periodi di maggiore “attenzione” da parte della criminalità, organizzata e non, verso il mondo agricolo, sono sfociate in un incontro istituzionale svoltosi il pomeriggio di venerdì 22 dicembre 2017. Su convocazione da parte del Commissariato di P.S. di Andria i dirigenti del C.L.A.A., Nicola Giuseppe LOSITO e Natale ZAGARIA hanno incontrato il Primo Dirigente dott. Leonida MARSEGLIA proprio per gli approfondimenti sul tema delicatissimo ed attualissimo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un incontro giudicato dai responsabili del C.L.A.A. molto cordiale ed approfondito che ha dato al Comitato la possibilità di manifestare tutte le preoccupazioni vissute in questo periodo dagli agricoltori e produttori andriesi che si sono visti sottrarre furtivamente quantitativi enormi di olive con danni ai terreni e agli alberi spesso addirittura irreparabili; agricoltori che sono arrivati alla disperazione fino all’organizzazione di ronde notturne per difendere i propri beni. Da parte sua il Primo Dirigente ha altresì rappresentato tutta l’azione di contrasto svolta dalle Forze dell’Ordine a tal riguardo. Azione spesso concertata e coordinata, con risultati tangibili ma anche non sempre visibili perché se è vero che tante situazioni vengono denunciate da chi subisce le azioni criminali è altresì vero che tantissime altre vengono evitate proprio grazie ad interventi preventivi e repressivi da parte delle Forze dell’Ordine che operano in numero assolutamente insufficiente in un territorio vastissimo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I due rappresentanti hanno portato al dott. Marseglia il saluto del Coordinatore e co-fondatore del C.L.A.A., Savino Montaruli, il quale nella sua qualità di rappresentante del mondo associazionistico, civico e sindacale cittadino era già stato ricevuto lo scorso martedì 19 dicembre, proprio presso il Commissariato di Andria dallo stesso Primo Dirigente dott. Marseglia con il quale si è intrattenuto per due ore a parlare dei tantissimi problemi irrisolti di questa città e soprattutto delle sue crescenti e preoccupanti emergenze sociali, spesso sottovalutate e mai affrontate con le giuste misure e con interventi mirati.

Il dott. Marseglia ha rassicurato tutta la sua attenzione verso la problematica sollevata dal C.L.A.A. rispetto ai problemi degli agricoltori andriesi così come si è mostrato disponibile all’ascolto di quanti vorranno garantire, come in questa circostanza, la loro collaborazione e vicinanza alle istituzioni facilitando il loro difficile e delicato ruolo. Da parte del signor Natale Zagaria, di Nicola Giuseppe Losito e di tutti gli aderenti, soci e simpatizzanti del C.L.A.A. l’augurio di un sereno Natale a tutto il Comparto Agricolo andriese e alla cittadinanza che continua a credere nel suo grande valore per l’economia, la storia e il futuro di questa terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Prossimi incontri richiesti al dott. Marseglia saranno da parte dei Comitati di Quartiere cittadini. Il signor Losito, nella sua qualità di cofondatore e dirigente del Comitato di Quartiere Europa di Andria, il più longevo ed operativo da vent’anni, ha preannunciato tale intenzione per discutere ed approfondire le enormi problematiche mai risolte e soprattutto le nuove emergenze che il Quartiere Europa ma anche tutti gli altri quartieri periferici cittadini vivono a causa della scarsissima attenzione da parte delle istituzioni e del lassismo che determina un progressivo e crescente degrado urbano.

Negli ultimi giorni, l’ennesima “sorpresa”: una foto documenta una nuova incursione dei “predoni delle olive” nel territorio andriese, segno di una problematica ancora ben radicata nel territorio (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui). La foto ricevuta in redazione: