Andria: albero cade in villa comunale, l’ennesimo episodio causato da una piantumazione senza logica – le FOTO

Mercoledì 12 gennaio un insistente vento ha abbattuto l’ennesimo antipatico pino nella ex villa comunale. Le conifere, in modo particolare i pini, cadono facilmente sotto l’azione del vento. Ma perché in questo posto i pini spesso, troppo spesso, cadono facilmente sotto l’azione del vento? Per errori commessi nel passato che, però, si commettono ancora, e per la scarsa preparazione nella cura dei giardini pubblici, unita alla inadeguata, se non proprio assente, manutenzione” – lo ha ricordato l’ecologista andriese Nicola Montepulciano che ha poi proseguito la sua analisi:

“Tutti gli alberi da ombra (querce, faggi, platani, tigli, carrubi e in particolar modo, pini, etc.) hanno bisogno, per crescere bene, di molto spazio. Fra un albero ombrifero e l’altro lo spazio minimo da lasciare è di 11-12m, così come ho visto finalmente rispettata questa distanza fra un leccio e l’altro nel quartiere di San Valentino. (Meglio sarebbe stato piantare roverelle perché sono inattaccabili da qualsiasi malattia, così si dice). Per la maggior parte degli alberi presenti in villa (si fa per dire) questa distanza non è minimamente rispettata, perché in periodi successivi alla realizzazione dell’allora splendida Villa, per incapacità di lettura della sua impostazione originaria, si piantavano, in varie parti di essa, pini e a ca…saccio, facendone perdere così la bellezza” – ha detto Montepulciano che ha poi aggiunto:

Per i pini, dunque, la distanza è necessaria perché l’apparato radicale, utile anche per l’ancoraggio al suolo di qualsiasi albero, non va in profondità, ma si espande più orizzontalmente appena sotto il suolo. Il pino, insomma, vuole ancora più spazio. La foto ci mostra benissimo che lo spazio fra il pino abbattuto e quello accanto rimasto in piedi è solo di 5m. E questi due alberi ( ma in buona sostanza quasi tutti gli altri alberi ) non hanno potuto sviluppare adeguati apparati radicali. Uno dei due andava eliminato. Infatti, non avendo provveduto l’uomo, ci ha pensato la natura con uno dei suoi mezzi: il vento. E l’altro, prima o poi, potrebbe cadere. La mancanza di spazio, ancora, costringe l’albero a svilupparsi sempre più in altezza per la ricerca dello “ spazio vitale “, cioè della luce del sole, perciò cresce esile, non può svilupparsi in larghezza, che consente di resistere un po’ di più al vento forte. La chioma, di conseguenza, si sviluppa tutta in alto e l’albero rimane senza rami basali, cioè, bassi, squilibrato” – ha aggiunto Montepulciano che ha così concluso:

“Come si vede in foto la chioma sull’esile tronco è molto più sviluppata dell’apparato radicale, che, anzi, è ridottissimo, quindi anche per questo è squilibrato, manca il necessario bilanciamento. L’albero, così, è sottoposto al rischio dell’ “effetto vela”, cioè al continuo ondeggiare sotto l’incalzare del vento e un po’ alla volta, le radici, complice il terreno bagnato, perdono l’appiglio sul terreno, l’albero perde stabilità sino a cadere. E’ una storia che si ripete da moltissimi anni a questa parte. Si è preferito spendere una cifra colossale per una inutile riqualificazione della villa, ciò che ha comportato la distruzione del bellissimo assetto originale, e non spendere soldi per l’assunzione di un “direttore dei giardini“ competente. E’ necessario il controllo di tutte le conifere una per una, eliminare qualsiasi albero che cresce sbilanciato, perché pericoloso, quelli secchi, quelli che crescono con pochissimi rami, esteticamente brutti, per cominciare a ridare un po’ di bellezza. Qualcuno dice che è bella: da dove se ne accorge?” – ha concluso Nicola Montepulciano.

Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.