Andria: ancora cattivi odori nell’aria, cosa stanno respirando i cittadini andriesi?

Ancora cattivi odori sono stati distintamente percepiti da parte della popolazione andriese nella serata dell’11 ottobre 2019:

soltanto alcuni giorni prima VideoAndria.com aveva riportato le fotografie di fumi avvistati in lontananza sulla strada che collega Andria alla vicina Trani. Nelle ultime ore, invece, l’associazione ambientalista 3Place ha confermato la percezione di odori di “plastica bruciata” distintamente avvertiti nell’abitato della città federiciana. Non volendo fare osservazioni azzardate, ci chiediamo comunque chi stia bruciando cosa. Un elemento risulta oramai certo: la puzza di plastica bruciata indica senz’altro la presenza di diossina, scientificamente ritenuta cancerogena per l’organismo umano. Ricordiamo inoltre che la stessa associazione ambientalista 3Place aveva in passato individuato l’ubicazione di un precedente incendio illegale:

in quel caso si parlava di combustione illecita di materiale in polistirolo effettuata in una zona precisa di Contrada Monachelle, attuata non si da da chi con materiale proveniente chissà da dove. L’auspicio è che le forze dell’ordine possano dotarsi anche di droni ed altri strumenti innovativi capaci di individuare tempestivamente i trasgressori. Si tratta di reati gravissimi che vanno assolutamente condannati. Ringraziamo ancora una volta l’associazione 3Place per l’impegno costante concretizzato sul territorio. Il post diffuso ieri sera da 3Place:

Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile inviare segnalazioni, immagini per la pubblicazione, mentre, per seguire tutte le news in tempo reale, è possibile partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Barletta – Andria – Trani oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).