Andria: ancora rifiuti misteriosamente bruciati, ancora diossina e polveri tossiche nell’aria

“Ieri pomeriggio, alle ore 18:15 noi volontari Federiciani abbiamo avvistato del fumo che si alzava dalla SP 174 del Regio Tratturo. Giunti sul posto abbiamo constatato che bruciavano dei rami di conifere e poi anche rifiuti di ogni genere, lasciati dai soliti cretini della domenica. Questi hanno scaturito del fumo nero e puzzolente e non solo, certamente delle polveri sottili con diossina. Oggi intervenendo allo spegnimento dell’incendio, le cui fiamme si erano propagare all’erba attigua che si trovava nel terreno incolto” – lo rende noto il prof. Francesco Martiradonna, Presidente delle associazioni consorziate “Ambiente e/è Vita Onlus” &-“Nat. Federiciana Verde Onlus”. Un dettaglio dell’incendio:

“I volontari hanno avuto ragione dell’incendio intervenendo solo con i flabelli e poi hanno governato il fuoco della bio /massa sino all’estinzione chiudendo cosi la campagna AIB 2017. Quest’anno con questo intervento AIB si è raggiunto il numero di 170 e tra questi quelli più impegnativi sono stati quelli svolti sul Ns territorio; del 29 giugno, dove si è salvato la pineta del Maniero Federiciano, Abbondanza il 30.07 e quello di Minervino Murge il 06.08 dove sono stati salvati dei boschi attigui alla città, contrada Forbici. Invece abbiamo due interventi svolti sul Gargano a San Menaio e Lago di Varano. Quest’anno all’organizzazione per salvare i boschi ha sacrificato il motore del mezzo AIB”.

“TUTTAVIA GLI INTERVENTI SONO STATI TUTTI IMPEGNATIVI COME QUELLO DI SALVARE DELLE VILLE CHE ERANO MINACCIATE DALLE FIAMME. NOI CI RITENIAMO DEI MIRACOLATI, ALL’INTERVENTO FATTO IL 16 SETTEMBRE IN CONTRADA MONTE VITOLO DOVE È ESPLOSO IN BOMBOLONE DI GPL. GRAZIE SIGNORE. Le coordinate dell’incendio Lat. 41°7’3,7” N & Long. 16°16’22,8”E” – conclude Martiradonna.