Andria: un bruttissimo bigliettino da visita per il turismo nel territorio

“… auto cannibalizzate lasciate da settimane abbandonate sulle strade delle campagne andriesi, a due passi dalla città e dalle sue “istituzioni” di cartone. No, questa non è la città che vogliamo. Se non ora quando?” è il commento del sindacalista andriese Savino Montaruli (Presidente di Unimpresa Bat e dell’associazione “Io Ci Sono!” di Andria) diffuso sui social con una serie di scatti fotografici che documentano la presenza della carcassa di un’automobile di nuova generazione vergognosamente cannibalizzata ed abbandonata sul bordo strada, accanto ad un muretto a secco, a pochissimi metri dagli ulivi di un terreno agricolo. Una vergogna, l’ennesima, che sembra ripetersi quasi costantemente viste le continue segnalazioni di chi, come il prof. Martiradonna da tempo ne denuncia la presenza attraverso le frequenti operazioni di monitoraggio del territorio. Non solo: da un po’ di tempo a segnalare la presenza di auto parzialmente smontate sono gli stessi agricoltori. Dopo i fenomeni di furti d’auto a Castel del Monte e queste altre situazioni sarebbe opportuno intervenire subito con massicci controlli intensificando anche la videosorveglianza nelle località rurali del territorio andriese. Sarebbe forse opportuno potenziare gli stessi sistemi di sorveglianza a distanza direttamente negli uffici della Polizia Locale. Un dettaglio del ritrovamento:

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). Un’altra foto: