Andria: auto bruciata in campagna, l’ennesima nel territorio

Proseguono i tristi ritrovamenti di auto rubate nel territorio di Andria. L’ultimo, avvenuto nella giornata di ieri sempre grazie alla ronda federiciana. Durante una perlustrazione sull’Alta Murgia effettuata nella giornata di ieri 15 aprile 2018, la ronda GPGV IVEA & Zoofile dell’associazione Ambiente e/è Vita Puglia / CPA Nat. Federiciana Verde Onlus coordinata dal prof. Francesco Martiradonna, mentre viaggiava in un Tratturo di Femmina Morta, ha avvistato un’auto, Opel, bruciata.

Scesi dal mezzo, i componenti della squadra di volontari hanno ispezionato l’auto, recuperando la targa e subito dopo hanno fotografato Il tutto per fermare lo stato di fatto dei luoghi. Dopo hanno rilevato le coordinate del posto, che si invieranno con le relative foto al Comando della Polizia Municipale del Comune di Andria. (Lat. 41° 8′ 16,74” N & Long. 16° 15′ 51,91” E).

La ronda riprende il giro di ronda per il controllo del territorio. Mentre viaggiavano sulla mediana hanno avvistato del fumo. Arrivati sul posto hanno constatato che bruciavano degli scarti di vegetazione che vengono esclusi nei frantoi quando eseguono la pulitura delle olive.

“Visto che lo scatto vegetale, che bruciava, era oramai alla fine, ci siamo diretti alla vicina Masseria chiedendogli, per sicurezza, di portare sul posto un trattore con dei vomeri per effettuare delle precese perimetrali, per mettere in sicurezza l’area dove si trovavano gli scarti vegetativi che erano ancora accesi. Alla fine dell’attività di sicurezza la ronda riprende il giro dirigendosi verso i confini distrettuali del Territorio di Andria Minervino Murge. (Coordinate – Lat. 41.106782 N & Long. 16.197186 E)” – ha fatto sapere Martiradonna.