Andria: cagna investita e lasciata agonizzante sulla strada, ha le zampe fratturate. Salvata soltanto grazie ad una cittadina volenterosa, ma adesso servono aiuti

Maggie – è così che è stata chiamata una cagna randagia che, nelle ultime ore, è stata investita da un folle il quale non ha prestato soccorso al povero animale ferito:

la cagnolona, un meticcio dall’animo particolarmente docile, è stata soccorsa dalla volontaria Maria Mosca, la quale lamenta l’assenza delle istituzioni locali. Oltre alla cittadina andriese, infatti, non sembra che sul posto sia intervenuto nessun altro. Stando alle ricostruzioni diffuse online, la cagna è stata investita nella giornata di ieri nel Quartiere Europa. Dopo l’impatto, il pirata della strada è fuggito mentre lei è rimasta per terra sino all’arrivo della volontaria animalista:

trasportata in una clinica specializzata nella vicina Barletta, alla cagna è stata constatata la frattura di entrambe le zampe anteriori. L’obiettivo è quello di operare Maggie per tentare un percorso di riabilitazione. Oltre all’intervento, Maggie necessita anche di radiografie, esami del sangue e altre tipologie di controlli. Per questo, è stato diffusa su Facebook una campagna per una libera raccolta fondi finalizzata a salvare la vita al povero animale. La raccolta fondi è disponibile al seguente link: https://www.facebook.com/donate/332969390913906/. Confidiamo nella buona volontà di tutti i cittadini. Se poi, nel frattempo, la Polizia Municipale dovesse riuscire ad individuare il pirata della strada – magari anche mediante l’osservazione delle immagini di videosorveglianza locale  – che, sicuramente, viaggiava ad una velocità “anomala”, tanto di guadagnato per la Giustizia ed il senso di civiltà del territorio. 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).