Andria: cittadini-spazzini scendono in strada per rimuovere i rifiuti

Anche i giorni immediatamente prima e quelli immediatamente dopo il Santo Natale sono stati tremendi per cittadini, consumatori e commercianti andriesi. Vedere le strade cittadine invase da rifiuti urbani, in particolare volantini, carte, cartoni ma anche buste di rifiuti, anche organici, abbandonati in modo improprio e non raccolti dal servizio pubblico è stato un altro pungo nell’occhio in un contesto urbano che ha fatto registrare, proprio in quelle giornate, una notevole trasgressione delle vigenti ordinanze e degli abusati “indirizzi” sindacali praticamente ridotti a carta straccia.

Non solo nel popoloso e giovane quartiere Europa di Andria ma anche nel centro urbano uomini e donne si premuniscono di ramazza e scendono in strada per rimuovere i rifiuti abbandonati, non raccolti e non smaltiti dal servizio pubblico. “Un gesto civico importante ma nello stesso tempo un segnale di vuoto istituzionale che non può perdurare” – fanno sapere dal Comitato di Quartiere. Le foto:

Non mancano lamentele dal Comitato di Quartiere che alludono anche alla tassa rifiuti e alla manzanca di una tariffazione puntuale abbinata alla raccolta differenziata. In particolare, i responsabili del Comitato di Quartiere affermano che:

“I commercianti che pagano di tassa rifiuti anche fino a duemila euro l’anno per locali di soli cento metri quadrati non possono certo scendere dal banco di vendita, anche nelle giornate precedenti il Santo Natale, e mettersi a spazzare le strade ed i luoghi pubblici fuori dai negozi”. 

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppureiscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui