Andria: comincia l’estate e cominciano ad abbandonare i rifiuti in villa comunale. Impediamo questo scempio per la sicurezza e per i costi di smaltimento

Come alcuni ricorderanno, l’anno scorso VideoAndria.com aveva dato voce a quei cittadini che giustamente lamentavano la presenza di rifiuti abbandonati con la conseguenza presenza di topi nei pressi della villa comunale di Andria. Il grande polmone verde della città è troppo spesso vittima di una serie di vergognosi episodi di abbandono rifiuti che causano problemi difficilmente risolvibili se non con una sana campagna di informazione abbinata a contrasto del fenomeno attraverso le sanzioni previste dall’amministrazione comunale. Quasi puntualmente, con l’arrivo dell’estate, ecco dunque apparire le prime bottiglie abbandonate in villa. Bottiglie di vetro che potrebbero benissimo essere riciclate impedendo l’inquinamento ambientale che potrebbe invece crearsi sia per le strade che nel’eventuale conferimento in discarica. Producendo indifferenziato, infatti, non faremo altro che contribuire ad aumentare i costi che il comune dovrà sborsare a causa di chi, ancora oggi, nel 2018, non fa la raccolta differenziata. Le conseguenze poi le vediamo anche nelle tasse che i cittadini devono pagare. E’ dunque importantissimo segnalare anche con video e foto chi commette questi reati ed al contempo proseguire con la formazione e l’informazione per impedire che la nostra città si trasformi in un immondezzaio. Il vetro potrebbe inoltre facilmente rompersi mettendo a rischio chi, come bambini ed animali, potrebbe accidentalmente avvicinarsi troppo ai frammenti taglienti.

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). La foto: