Andria: donna morta durante lavoro nei campi, titolare azienda accusato

Proseguono le indagini sulla morte della bracciante tarantina deceduta nei campi di Andria il 13 giugno 2015. L’autopsia accertò che il decesso della donna fu dovuto ad un infarto, ma le indagini proseguono con pesanti accuse (tra queste, truffa e sfruttamento sul lavoro):

Secondo quanto diffuso da fonti giornalistiche telematiche, la decisione del giudice per le indagini preliminari di Trani è stata quella di rinviare a giudizio il titolare dell’impresa agricola coinvolta nella vicenda, un imprenditore di Corato, accusato di non aver rispettato gli obblighi di informativa e addestramento nei confronti dei lavoratori addetti all’acinellatura dell’uva. Intanto, prosegue il processo parallelo ad altre sei persone sfruttamento di lavoro e truffa. Link video:

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).