Andria: donne aggredite e rapinate in pieno centro ma nessuno le aiuta, Unimpresa: “gravissima situazione della sicurezza”

L’incrocio tra Via Sonnino e via Pontano, luogo dell’aggresione segnalata a mezzo stampa

Un’aggressione a mano armata ai danni di due donne nella città di Andria. Un episodio gravissimo che pare non sia il primo con quelle modalità: 

nonostante le donne abbiano tentato una reazione per difendersi pare che nessuno sia accorso in loro aiuto e questo renderebbe ancor più drammatica la vicenda visto che l’episodio sarebbe accaduto nella Zona Centro della città. Un’aggressione a scopo di rapina in piena regola, con tanti di malviventi incappucciati, di cui uno armato di coltello, che hanno avvicinato le due signore per sottrarre loro i beni personali, secondo quanto riportato dal Giornale più amato del Sud, la Gazzetta del Mezzogiorno. Appresa la terribile notizia è intervenuto il Presidente dell’Associazione “Io Ci Sono!”, componente della prima, terza e quarta Consulta della città di Andria, Savino Montaruli, il quale ha dichiarato:

lo scorso 23 maggio 2019, durante l’incontro ufficiale istituzionale voluto dal Commissario Straordinario della città di Andria, dott. Gaetano Tufariello con le nostre Associazioni di Categoria, ho consegnato nelle mani del Commissario una lunghissima relazione sullo stato economico e sociale della città di Andria. In quella lunghissima analisi di sei pagine anche un passaggio dedicato alla situazione della sicurezza in città, quella condizione reale e quella percezione che tanto condiziona i comportamenti dei cittadini”.

“In merito a quanto accaduto alle due donne andriesi” continua Monatruli ” siamo davvero senza parole di fronte alla gravità di quanto accaduto e per quelle che avrebbero potuto essere le conseguenze. In quanto al resto denunciato dalle due donne sarebbe il caso che la Comunità andriese, soprattutto quelle realtà associative, politiche, istituzionali e professionali spesso assenti o silenti si facciano sentire ed assumano atteggiamenti degni di una Comunità generosa e laboriosa qual è quella di Andria ed assuma su di sé la responsabilità di sentirsi tutti Comunità partecipe e solidale. Da un po’ di anni questo, anche questo ad Andria è venuto meno” ha concluso Montaruli. L’aggressione segnalata a mezzo stampa sarebbe avvenuta all’incrocio tra Via Sonnino e via Pontano, nei pressi di via XX Settembre.

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).