Andria dopo il weekend: strade invase da bottiglie – FOTO

Continua il “tour della vergogna” ai danni della bellissima città di Andria. Gli onesti cittadini sono stati ancora una volta offesi da una minoranza zozzona, ignorante e noncurante del rispetto per gli altri abitanti e per l’ambiente. Decine di bottiglie in vetro, assieme a bicchieri e ad altri rifiuti sono stati immortalati da alcuni scatti fotografici inviate alla nostra redazione da alcuni cittadini indignati  (a tal proposito, ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui). Speriamo che la videosorveglianza e i controlli possano in qualche modo risalite agli autori di questi spregevoli gesti per contrastare il fenomeno.

Cominciamo il “vergognoso tour” con questa foto:

bottiglie-per-strada-ad-andria

la bellissima area antistante l’Officina San Domenico di Andria, arricchita con splenditi murales, oggi maltrattata così:

bottiglie-per-strada-ad-andria

anche il resto del centro storico è stato bersagliato da ubriaconi e zozzoni:

bottiglie-per-strada-ad-andria

… che a quanto pare non hanno nemmeno le forze di alzarsi dalla panca per portarsi il vetro a casa e dare un senso alla loro vita facendo un po’ di raccolta differenziata:

bottiglie-per-strada-ad-andria

un po’ di “Corona”:

bottiglie-per-strada-ad-andria

servono commenti? No:

bottiglie-per-strada-ad-andria

E con questo (per ora) è tutto da Andria. In realtà sono ancora tante, troppe le foto arrivate in redazione. A tutti chiediamo di segnalare i zozzoni alle autorità locali (Polizia Municipale, Assessorato all’Ambiente) anche con foto e video. Non è giusto che una bellissima città come Andria, con uno straordinario centro storico, debba puntualmente subire i “capricci” di soggetti ignoranti. All’amministrazione e alle forze dell’ordine l’ordinario appello di proseguire con l’attività di controlli e sanzioni ai trasgressori.