Andria: dopo l’appello di Di Maio, sbucano le prime bandiere italiane a difesa della democrazia “facciamolo tutti” – video

“Esponiamo tutti una bandiera italiana alle nostre finestre, lo farò anche io” – è l’appello del capo politico del Movimento 5 Stelle, primo partito d’Italia, Luigi Di Maio. L’appello è stato formulato attraverso un video diffuso online sulla Pagina Facebook di Di Maio.  «So che siete inc…i, mi avete mandato un sacco di messaggi. Non possiamo stare a guardare, bisogna reagire subito con fermezza. Oggi appenderà una bandiera italiana fuori dalla finestra e vi chiedo di fare altrettanto. Rivendichiamo l’orgoglio di essere italiani».

Così Luigi Di Maio in un video in diretta su Facebook chiama alla mobilitazione i cittadini. «Il 2 giugno (giorno della Festa delle Repubblica, ndr.) invito tutti a venire a Roma per una grande manifestazione». Iniziativa condivisa anche da Matteo Salvini: «Come Lega avevamo già da tempo prenotato per il prossimo week end, il 2 e 3 giugno, più di mille piazze in tutta Italia per spiegare, speravamo, quello che facevamo al governo. Evidentemente saremo in mille piazze per spiegare quello che non stiamo facendo per colpa di qualcuno». 

Di Maio accusa ancora il Capo dello Stato Mattarella: «Proprio lui che non ha battuto ciglio mentre il Pd distruggeva le banche e migliaia di risparmiatori ? E poi avete visto cosa è successo oggi? Lo spread è aumentato vorticosamente e ora è a oltre 230! Perché quella dei mercati è una bufala, i mercati al massimo sono preoccupati dall’incertezza e dall’instabilità», attacca Di Maio. Il video:

Una delle bandiere esposte ad Andria: