Andria: ennesimo cane ucciso avvelenato in via Castel del Monte, si cerca ancora l’autore del primo caso

La predcedente uccisione riscontrata dai volontari in via Castel del Monte.

Continuano a consumarsi le tragedie ai danni dei nostri amici animali – ancora una volta, come denunciato dalla guardia ecozoofila Nicola Montrone, un altro cane randagio – ben noto ad alcuni volontari e spesso accudito dagli stessi – è stato ritrovato in gravi condizioni di avvelenamento. L’ultima vittima delle crudeltà “umana” (il virgolettato è d’obbligo visto che di umano in questa circostanza non c’è proprio nulla se non la sofferenza dei volontari!) è Bimba, una cagnetta randagia di via Castel del Monte. Secondo quanto confermato da uno dei volontari, l’animale accusava uno stato di malessere da diverso tempo. Trasportata in una clinica veterinaria della zona, la povera cagna è deceduta alcune ore più tardi a causa di una grave emoraggia. L’ultima foto poco prima del decesso:

Nella foto: la cagnetta “Bimba” poco prima del decesso per avvelenamento.

“Ora dopo più di 10 anni è come se ho perso, abbiamo perso, dei piccoli fratelli sorelle e figli… ad uno ad uno e credimi che non riuscire a far nulla per salvarli e nemmeno a capire chi fa ste cose è alquanto frustrante! Lei era la cagnetta, non dava fastidio a nessuno e, anzi, non si faceva toccare da nessuno. Dunque l’hanno attirata con l’inganno del cibo avvelenandola come dei vigliacchi senza palle!” – ci scrive uno dei volontari. Si conclude così la storia del branco di cani, ora scomparso definitivamente tra avvelenamenti e sgozzamenti. Una situazione tragica che si ripete e che, per ora, termina ancora una volta senza una svolta se si tiene conto della macabra fine di Nonno Dolce, il cagnolone anziano orribilmente sgozzato alcuni mesi fa sempre nella stessa zona. Anche in quell’occasione, la guardia ecozoofila intervenne sul posto per effettuare le dovute verifiche scoprendo anche la presenza di un gatto morto in circostanze misteriose:

Fu sporta denuncia contro ignoti ma da allora non si hanno notizie sul presunto assassino che dunque è ancora a spasso. Negli ultimi giorni, l’ennesima morte. Parliamo di animali cui presenza sta a cuore ad alcuni dei residenti della zona e che non apparivano aggressivi. Un fenomeno che va quindi condannato e perseguito come previsto dalla Legge. Chiunque abbia assistito a momenti sospetti legati a queste vicende o a dettagli utili per identificare i responsabili di queste vile uccisioni è pregato di fornire le informazioni in proprio possesso alle forze dell’ordine. Il rischio è che questa barbarie possa proseguire incessantemente ai danni delle creature più deboli e prive di parola.

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.