Andria: farmacista aggredito, “lavoratori sempre più esposti. Il problema è molto serio”

Lunedì 27 novembre nella farmacia di via Annunziata di Andria un rumeno di 32 anni aveva insistentemente chiesto al farmacista dei farmaci senza però che avesse la prescrizione medica. Al rifiuto del farmacista, l’uomo lo ha aggredito. 

Il farmacista ha subito messo in atto il dispositivo antirapina che è  collegato ad un istituto di vigilanza privata. Arrivate subito sul posto le guardie, hanno immobilizzato l’uomo che è stato poi arrestato dai Carabinieri giunti in seguito.

“Se da un lato apprendo con vivo compiacimento dell’intervento tempestivo dei vigilantes privati e dei Carabinieri – cui va il mio plauso – che ieri ad Andria hanno fermato e arrestato un uomo che dopo aver ripetutamente richiesto di ottenere delle medicine senza la necessaria prescrizione, ha aggredito il farmacista che giustamente gliele rifiutava, d’altro canto non posso nascondere lo sgomento e rinnovare una preoccupazione già espressa più volte”. Lo dichiara in una nota il senatore Luigi d’Ambrosio Lettieri, presidente Ordine Farmacisti Bari e Bat.  
 
I farmacisti, per il delicato e complesso servizio cui sono chiamati a beneficio della comunità, sono particolarmente esposti, come avviene anche per i medici delle guardie mediche e dei presidi di pronto soccorso, ad aggressioni e atti di violenza che spesso prescindono anche dalla rapina a mero scopo economico. Questo pone un problema serio di sicurezza che deve rimanere una priorità nell’agenda politica per trovare le modalità migliori per fronteggiare in maniera adeguata quella che sta diventando una vera e propria emergenza”, conclude D’Ambrosio Lettieri.