Andria: fugge dai domiciliari per fare shopping. Intensificati i controlli dei Carabinieri in occasione del Natale.

La febbre da shopping natalizio è stata fatale per un’arrestata domiciliare . Questa una delle chicche della cronaca di un’intensa attività di controllo prefestivo dei Carabinieri di Andria. Continuano infatti incessanti i servizi di prevenzione e repressione dei reati  che la Compagnia dei Carabinieri di Andria ha intensificato in questo ultimo periodo prenatalizio.

In particolare, nei giorni scorsi sono stati organizzati ed eseguiti posti di controllo nei pressi dei principali locali notturni e sulle principali arterie stradali del comune federiciano nonché quelle dei comuni di Minervino Murge e Spinazzola, utilizzando anche gli apparati etilometrici in dotazione.

In totale sono stati 20 gli uomini dell’Arma scesi in campo per garantire sicurezza con il potenziamento dei controlli, che hanno consentito di identificare 91 persone e controllate circa 70 autovetture.

Intensificati anche i controlli su persone pregiudicate, in particolare nei confronti di  quelle sottoposte al regime degli arresti domiciliari ed alla sorveglianza speciale.

I capillari controlli nel centro storico andriese, hanno consentito ai militari di arrestare un pluripregiudicato del luogo per inosservanza delle disposizioni imposte dalla misura alternativa della sorveglianza speciale. L’uomo, infatti, nonostante il divieto, è stato trovato in possesso di un telefono cellulare e di una dose di cocaina.

Un secondo arresto è stato effettuato anche nei confronti di una pregiudicata 27enne foggiana, P.R., che, nonostante fosse sottoposta agli arresti domiciliari, evidentemente tentata dalle vetrine addobbate, veniva sorpresa dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile mentre tranquillamente era intenta a fare compere presso il locale centro commerciale.

La donna aveva tentato di eludere l’identificazione da parte dei militari fornendo false generalità. Veniva però condotta presso gli Uffici ove si evinceva la sua posizione giudiziaria: permesso di uscire dalla propria abitazione in orari prestabiliti, senza però allontanarsi dal territorio del Comune di Foggia. La prevenuta, su disposizione della Procura della Repubblica del Tribunale di Trani, è veniva ulteriormente sottoposta agli arresti domiciliari e deferita in stato di libertà per false attestazioni sulla propria identità personale.

Nella rete dei controlli sono finite 7 giovani, appartenenti alla fascia di età compresa tra i 19 ed i 30 anni,  sorpresi nell’atto di consumare o detenere modici quantitativi di sostanze stupefacenti, c.d. “leggere”. Tutti i predetti sono stati segnalati alla Prefettura di Barletta-Andria-Trani quali assuntori di sostanze stupefacenti. Complessivamente sono stati sequestrati due grammi di marijuana e cinque grammi di hashish.

Comando Provinciale Carabinieri Bari