Andria: fumo nero sulla Sp231 direzione Corato crea disagi agli automobilisti “loro bruciano e noi ci intossichiamo”

Ancora roghi misteriosi, ancora fumi dal caratteristico colore nero intenso. Stavolta la nube (tossica?) si è momentaneamente “impadronita” della Strada Provinciale Sp231. A segnalarcelo un cittadino attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).

Giusto qualche ora prima avevamo parlato di un misterioso incendio avvistato in via Vecchia Barletta. Senza contare delle numerose segnalazioni del prof. Francesco Martiradonna, dalle auto rubate bruciate alla presenza di scarti oleari bruciati e abbandonati sui terreni delle campagne rurali. E’ evidente che la questione sia anzitutto legata ad una problematica di tipo culturale che sfocia dunque in situazioni illegali. Ad aggravare la situazione nell’ultimo episodio il fatto che questo fumo intenso abbia creato disagi agli automobilisti compromettendo la visibilità di chi su quella strada, magari dirigendosi verso la vicina Corato, ci transita quotidianamente per lavoro. Servono ulteriori controlli ma sicuramente anche più coscienza in chi di sana pianta decide di bruciare rifiuti causando problemi sia di carattere ambientale che di sicurezza stradale. Poi una domanda vien spontanea: chi ha bruciato cosa? Se ad esempio si trattasse di copertoni, vuol dire una sola cosa: diossina a go go. Questi soggetti misteriosi continuano a bruciare indisturbati e noi ci intossichiamo (ma anche loro non scampano da questa cosa). La foto: