Andria: gattino morto preso a sassate da alcuni minorenni. Animalisti in lacrime: “genitori, i vostri figli non stanno sviluppando empatia, grave”

“Di tutti gli animali, diceva Mark Twain tanti anni fa, l’uomo è l’unico ad essere crudele:
Ci sono cose che non vorremmo mai e poi mai raccontare ma oggi ci siamo trovati testimoni di un episodio di una crudeltà inaudita” – comincia così il racconto diffuso sui social dalla sezione andriese dell’Oipa (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) in merito ad un inquietante episodio segnalato nelle ultime ore:

“Ad andria ai semafori dell’incrocio tra Via Barletta e Viale Orazio, dei vigili rimpoverano dei ragazzini (12-14 anni) perché lanciavano dei massi, appena i vigili sono andati via, i ragazzini hanno ricominciato a lanciarli verso qualcosa sul pavimento, la volontaria che era sul posto si è subito insospettita di quel gesto ed è scesa dall’auto per rimproverare nuovamente i ragazzini e li in quel momento si è accorta su cosa si stessero accanendo .. il corpo di un gattino morto, un gattino di qualche mese.. gli avevano distrutto il faccino e mentre lo facevano ridevano…La volontaria con le lacrime agli occhi ha parlato con i ragazzini che hanno riferito che il gattino era già morto prima del loro “intervento” vogliamo illuderci e credere ai ragazzi.. ma anche in questo caso questo non è qualcosa che deve e può succedere in una città che si definisce civile. Ora noi vogliamo fare appello ai genitori di questi ragazzini, quelli che dovrebbero insegnare loro il rispetto per gli altri e sopratutto per i più deboli” – l’Oipa di Andria si appella dunque a chi dovrebbe insegnare le regole del rispetto della vita:

“GENITORI APRITE GLI OCCHI!!!!! Questo è un chiaro campanello d’allarme sociale. La crudeltà verso gli animali è infatti riconosciuta come un forte sintomo premonitore di altri CRIMINI contro le persone e si manifesta già in giovane età come il bullismo. Bambini e adolescenti che compiono violenze sugli animali hanno una maggiore probabilità di avere da adulti comportamenti pericolosi e criminali. Anche se non tutti coloro che maltrattano gli animali da piccoli sviluppano poi condotte devianti verso le persone, gli studi evidenziano che, tra coloro che da adulti hanno commesso crimini, la maggior parte, se non la totalità, ha precedenti di grave violenza su animali. GENITORI!! Insegnare ai figli ad amare la natura e gli animali, è il più grande regalo che potete fare alla loro crescita. I bambini che rispettano gli animali e la natura, saranno adulti migliori Il rispetto verso gli altri e la capacità di relazionarsi con il mondo esterno e con le creature che ne fanno parte, permetterebbe al bambino di crescere in maniera serena e equilibrata.�� Educate i vostri figlia alla diversità e alla differenza: che siano uomini o animali Un bambino che è crudele con gli animali non sviluppa la necessaria empatia per crescere in modo sano. E’ importante insegnare ai bambini che gli animali non devono essere considerati strumenti per il loro divertimento ma che devono essere invece trattati con affetto e tutelati, i genitori non dovrebbero mai giustificare i gesti di non rispetto che il proprio figlio può avere verso gli animali, considerandoli scherzi, al contrario dovrebbe intervenire sottolineando il valore della vita di un animale. Noi come sempre diamo la nostra disponibilità a tutti gli educatori, genitori , insegnanti di organizzare incontri per parlare di diversità e animali e aiutarvi in quel difficile compito che è l’educazione”  – concludono dall’Oipa di Andria. Riportiamo qui sotto il link ad un post diffuso su Facebook:

RAGAZZINI SI ACCANISCONO SU CORPO DI UN GATTINODi tutti gli animali, diceva Mark Twain tanti anni fa, l’uomo è l’unico…

Pubblicato da Oipa Andria su Martedì 21 luglio 2020

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).