Andria: “il Commissario Tufariello meglio dei politici, a questo punto sia lui a governare la città” – Montaruli non le manda a dire

“Chi al momento della brusca e rovinosa caduta della cosiddetta giunta politica della città di Andria, paventava per la città l’immobilismo, il crollo definitivo e l’assenza di una “guida” capace di portare avanti il nulla generato dalla precedente, inutile amministrazione comunale ha dovuto ricredersi. Noi, invece, abbiamo sempre sostenuto che per la città di Andria, ma credo anche per molte altre città vicine in gravissima depressione gestionale ed amministrativa, una fase commissariale sarebbe stata quanto mai opportuna e necessaria. Quella fase commissariale si è aperta nella città di Andria ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il dott. Gaetano Tufariello, Commissario Straordinario della città federiciana, sta dimostrando di conoscere alla perfezione la macchina amministrativa e soprattutto, sin da primo momento del suo insediamento, ha deciso di stare fuori dal palazzo, tra la gente, tra i cittadini, tra le persone” – ha dichiarato Savino Montaruli, Presidente Unibat – Unionecommercio Puglia che, attraverso la sua analisi personale sull’operato del Commissario Prefettizio di Andria, prosegue così:

“In pochissimi mesi ha lanciato segnali che hanno fatto rabbrividire i populisti, propagandisti defenestrati politici con flotte di galoppini al seguito, lasciandoli a bocca aperta di fronte a provvedimenti coraggiosi ed attesi. Potrei fare una lunga lista di tali provvedimenti ma mi limiterei solamente ad uno dei tanti graditi ed attesi dalla cittadinanza: la sottoscrizione del “Protocollo Salute” finalizzato alla elaborazione del “Profilo di Salute della città di Andria” che sarà presto una realtà concreta. Un passaggio fondamentale a Palazzo di Città con la firma di un protocollo fortemente voluto dal “Forum Ambiente Salute Andria“, tra le cui 40 associazioni cittadine costituenti ci onoriamo di essere. Lo sforzo straordinario compiuto dal dott. Tufariello al servizio della città, nonostante critiche sterili immediatamente zittite dai fatti, anche in relazione ai costi della gestione commissariale, è evidente e la questione Sicurezza occupa un punto fondamentale in una città che sembrava essere stata abbandonata a se stessa. Certamente la rinascita sarà dura e lunghissima perché la condizione di degrado sociale e di deflessione economica e produttiva del sistema imprenditoriale locale aveva raggiunto il limite massimo portando la città ad essere, in Italia, ultima nelle cose buone e belle e prima in quelle brutte e cattive. Una personalità autorevole, quella del Commissario Tufariello, che farebbe molto più bene alla città di Andria se diventasse stabile e funzionale quindi quale miglior occasione per proporre il dott. Tufariello alla carica di Sindaco di Andria? Io lo voterei e lo sosterrei pure, in un orizzonte politico andriese tanto fosco quanto già da ora litigioso, prepotente e per molti veri molto ma molto mediocre. Intanto il commissario Tufariello incontra i Referenti Sociali dei Quartieri cittadini. Ascolta i loro problemi e li risolve pure. Avete mai visto un politico tanto efficiente e cazzuto?” – ha concluso Savino Montaruli, Presidente Unibat – Unionecommercio Puglia.