Andria: il tombino della fontana è intasato, a rischio allagamento – il video

Nella giornata di ieri, un cittadino ha voluto segnalarci con un video la presenza di un’evidente forma di otturazione della rete fognaria all’altezza di una fontana pubblica sita in via Pasolini, nei pressi della pineta. Il fenomeno di intasamento è dovuto con molta probabilità all’accumulo di rifiuti abbandonati che ne ha causato il blocco. L’appello dunque è rivolto anche alla cittadinanza affinché adotti atteggiamenti decorosi e rispettosi nei confronti dell’ambiente in cui vive. Il video:

 

Con questa segnalazione non vogliamo fare la solita polemica sterile, ma piuttosto invitare gli uffici preposti ad intervenire al piu’ presto per evitare che la situazione possa ulteriormente peggiorare. La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.