Andria: “la festa dei coglionazzi” colpisce ancora. E’ così che vogliamo rispettare l’ambiente ed i bambini?

Sta facendo discutere una notizia diffusa sul nostro gruppo Facebook postata nei giorni scorsi da un cittadino indignato per quanto accaduto: nello scatto fotografico si notano bene diversi piatti, bicchieri ed altri rifiuti abbandonati sopra una delle giostre in legno costruite per far divertire i più piccoli all’interno del polmone verde della città di Andria.

Spesso i cittadini si sono lamentati di problemi e disservizi e di danneggiamenti se non addirittura la presenza occasionale di topi ma nel vedere come alcuni loro concittadini trattino questi manufatti ci fa ancora riflettere che all’apice del problema non vi è una presunta difetti o mancanze nelle scelte politiche atte al contrasto di questi fenomeni (o meglio, non solo) ma piuttosto di una “cultura” del rifiuto da abbandonare ad ogni costo piuttosto che riciclare come invece andrebbe fatto in un paese civile che pretende civiltà ma che evidentemente in alcuni casi non insegna sufficientemente ai propri figli il rispetto per l’ambiente in cui vivono. 

Nel vedere la tipologia di rifiuti abbandonati in questo caso, tutto farebbe presupporre ad una festicciola non autorizzata all’interno della villa: bicchieri, piatti in plastica e persino bottiglie di alcolici. L’impressione è che a “festeggiare” sia stato un gruppetto di ragazzini (anche perché se scoprissimo che ad abbandonare quei rifiuti siano stati degli adulti non resterebbe che strapparsi i capelli per la vergogna) e in tal caso sarebbe opportuno chiedersi se a bere degli alcolici siano stati dei minorenni. Inoltre saremmo curiosi di sapere se dalle telecamere di videosorveglianza sia possibile analizzare le immagini per tentare di individuare ed identificare gli autori dello spregevole gesto ai danni della cosa pubblica.

Chiunque abbia festeggiato in realtà non ha fatto altro che celebrare la propria idiozia: hanno augurato “belle cose” abbandonando rifiuti e inquinando (bell’augurio metaforico, per la serie, “ti auguriamo tante schifezze nella tua vita in compagnia dei tuoi amici imbecilli e schifosi!”) danneggiando l’ambiente di un parco giochi e quindi creando un danno anche ai bimbi che vorrebbero soltanto giocare ed al contempo un danno a loro stessi perché i rifiuti non differenziati contribuiscono all’aumento dell’indifferenziato che, una volta conferito in discarica, porta tutte le conseguenze ambientali che conosciamo oltre che un aumento dei costi di smaltimento. Tra i rifiuti fotografati notiamo molti fatti di plastica ed alcuni in vetro. Tutti materiali che, se conferiti e differenziati, possono essere riciclati piuttosto che gettati in discarica. Insomma, a malincuore non possiamo altro che constatare come gli autori di questa festicciola non autorizzata ed alcolica non siano altro che dei veri e propri coglionazzi

La foto è stata diffusa su Facebook (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui). La riportiamo qui sotto affinché tutti sappiano lo schifo che lor signori hanno combinato (augurandoci che la Polizia Municipale possa individuare i trasgressori e multarli visto l’aumento sino a 500 euro di sanzioni nei confronti di chi abbandona rifiuti):

una seconda foto: