Andria: la fontana di Castel del Monte “fa acqua da tutte le parti” ma a nessuno interessa nonostante la segnalazione

Ne avevamo già parlato grazie alla segnalazione del prof. Francesco Martiradonna ( Presidente Provinciale, Responsabile Legale del Nucleo delle G.P.G.V. delle Associazioni consorziate con “Ambiente e/è Vita Onlus” &-“Nat. Federiciana Verde Onlus), tuttavia il problema sembra sia ancora attuale. Parliamo ancora una volta della storica fontana posta ai piedi di Castel del Monte (Andria), annualmente frequentata da migliaia di turisti vista la presenza del castello medievale patrimonio dell’umanità UNESCO, uno dei primi trenta siti di interesse storico più visitati in Italia.

Lo scorso 10 settembre 2017, il prof Martiradonna rendeva noto che: “quando la ronda si è recata sul pianale del Maniero Federiciano ha notato che ai piedi della fontana c’era una chiazza d’acqua che usciva dalla base sottostante della stessa. Pensare che 15 giorni fa avevamo, come Nucleo di Guardie Giurate Volontarie, denunciato che alcuni vandali avevano manomesso la fontana che si trova alla base del Maniero Federiciano e che questa perdeva molta acqua. Ora mi chiedo, mai come quest’anno, visto che non piove da parecchi mesi e che i nostri bacini idrici si stanno abbassando di livello visto la necessità di rifornire l’utenza di un bene, che è di prima necessità, come l’acqua che è vita. Mi chiedo come mai a nessuno di questi funzionari, che si trova nell’Ente dell’acquedotto, importa dell’acqua che si perde in quella località. Questi sono stati anche informati, della perdita di acqua, anche dagli operai dell’ARIF della Regione Puglia. Voglio ricordarvi che la denuncia fatta dal succitato Nucleo della succitata associazione è stata fatta due settimane fa e che sino ad oggi, noi sottolineammo, che non avete ancora provveduto a ripararla”. Una foto diffusa da Martiradonna:

“Lo scrivente Evidenzia che molte famiglie, in tutto il territorio nazionale, l’acqua la vede una volta alla notte inoltrata e non di giorno, se tutto va bene. Inoltre altre famiglie devono rifornirsi dalle autobotti a pagamento e altre famiglie, invece, vanno avanti comprando le confezioni d’acqua ai supermercati. Lo scrivente, 1° come responsabile del Nucleo delle Guardie Giurate Volontarie IVEA Zoofile, dell’Associazione Nazionale di Ambiente e/è Vita CPA Nat. Federiciana Verde Onlus e 2° come Presidente della IV^ Consulta Ambientale del Comune di Andria, si chiede, Voi Amministratori responsabili del Comune succitato, e Voi dell’Acquedotto Pugliese ancora più responsabili, quando vi decidete di interessarvi per ripararla?” – un’altra foto di Martiradonna:

“Non vorrei, che con questo andazzo di menefreghismo avete già deciso di sopprimere la colonnina della fontanina, prendendo come scusa questo atto vandalico. La fontana deve restare lì perché è, in modo congiunto con il Castello, un monumento del posto e dell’Acquedotto. Il Presidente e tutta la IV^ Consulta Ambientale COMUNALE esterna che occorre provvedere immediatamente a ripararla perché sino ad oggi, si sono riversati al GIORNO nell’ambiente (persi), migliaia e migliaia di ettolitri di acqua” – conclude Martiradonna. Con il prof. Martiradonna ne avevamo parlato già nelle settimane precedenti con questo video: