Andria: ecco la percentuale mancante di raccolta differenziata. Voi che sporcate e poi vi lamentate della tassa rifiuti, vergognatevi.

Un annus horribilis il 2017 anche per la raccolta differenziata: ad Andria, per la prima volta dopo anni dall’attivazione del servizio di raccolta differenziata porta a porta spinta, è stato registrato un considerevole calo, con una discesa al 63,97% rispetto al 65% circa del periodo precedente. Lo riportano anche alcune testate giornalistiche locali ed un servizio televisivo.

Tuttavia, nel mese di gennaio 2018 una netta ripresa con un ritorno a circa il 65% del conferimento da parte dei cittadini. Stando a quanto riportato da alcune fonti giornalistiche locali, infatti, i dati di abbassamento della percentuale riguarderebbero gli ultimi mesi dell’anno 2017, mentre a partire dal 2018 una ripresa. Una possibile spiegazione riguarderebbe la diminuzione della produzione di rifiuti differenziati tra novembre e dicembre mentre sarebbe rimasta costante la produzione di indifferenziata. In parole povere, le festività natalizie avrebbero probabilmente spinto i cittadini a buttare la maggior parte dei loro rifiuti nell’indifferenziato anziché differenziando correttamente. Un Natale che non rispecchia il buon esempio della natività nella povertà ma piuttosto di un consumismo sfrenato e vergognoso che termina il suo percorso anche nel triste fenomeno dell’abbandono dei rifiuti. Il 2018, salvo nuove sorprese, partirebbe sotto buoni auspici. Tuttavia, seppur oltre il 50%, quella percentuale di raccolta differenziata ad Andria da anni non raggiunge nemmeno l’80%, ben lontano quindi dalla copertura totale del conferimento, nonostante il servizio sia attivo da tempo ed esteso praticamente nell’intero territorio (eccetto in alcune contrade in aree rurali, dove il ritiro è “vecchio stile”, ovvero con la raccolta dai grandi bidoni come un tempo) e riguardi percentuali invidiabili non solo nell’intera provincia BAT ma anche nelle province limitrofe. Tuttavia, in un paese di circa 100.000 abitanti, non possiamo più permetterci di aumentare l’indifferenziato e quindi anche i costi e i conferimenti nelle discariche.

Siamo tutti bravi, bravissimi a lamentarci appena notiamo un disservizio nella raccolta differenziata porta a porta, appena ci dicono che vogliono allargare discariche e via dicendo…ma poi siamo veramente tutti bravi a fare quotidianamente la raccolta differenziata tutti i giorni dell’anno? Quel 63%-65% indica che evidentemente una buona fetta di andriesi (fortunatamente, non la maggioranza) si ostina ancora oggi nel 2018 a buttare tutto nell’indifferenziato o peggio ancora ad abbandonare i propri rifiuti per le strade e nelle campagne, non lontano da dove coltiviamo ulivi per la produzione del nostro prezioso olio extravergine di oliva, amato in tutto il mondo.

Poi ci lamentiamo dei costi, delle discariche, della tassa rifiuti e persino delle malattie. Ma spesso dovremmo tutti farci un esame di coscienza e chiederci quanti rifiuti indifferenziati produciamo quotidianamente e quanta raccolta differenziata siamo in grado di fare. Dovremmo tutti attivarci per un futuro migliore e invece, ancora migliaia di cittadini andriesi, evidentemente ignoranti (nel senso che ignorano per l’appunto le gravi conseguenze che la mancanza di differenziata porta all’ambiente, alla salute e anche ai soldi) proseguono le loro attività illecite e vergognose.

A quest’ora avremmo dovuto aprire svariate attività per il recupero in loco dei rifiuti. Mentre in Puglia ci sono già diverse aziende che producono materiale per le strade persino con il riutilizzo di pneumatici usati, ad Andria “rifiutiamo i rifiuti” dimenticandoci che questi, opportunamente trattati, possono essere anche fonte di guadagno. Ci manca un’economia circolare che ha insegnata anzitutto nelle scuole. Eppure, non pochi risultano i progetti proprio fatti all’interno degli istituti scolastici andriesi! Probabilmente a mancare è un discorso costante e quotidiano all’interno delle famiglie andriesi. Non tutte, per carità, non ci rivolgiamo a quegli andriesi onesti e “puliti” nel vero senso della parola, ma bensì a chi continua a sporcare e a non effettuare raccolta differenziata. Così facendo, la famigerata “tariffazione puntuale” auspicata potrebbe non vedere mai la luce a causa delle cattive abitudini degli andriesi. La tariffazione puntuale, infatti, consentirebbe a tutti i cittadini di pagare la tassa rifiuti attraverso la percentuale di raccolta differenziata. Più differenzi e meno paghi. Più produci indifferenziato e più paghi.

Con una tariffazione puntuale abbinata alla raccolta differenziata porta a porta, se la maggior parte dei cittadini producesse poco indifferenziato, pagherebbe una tassa rifiuti ben più bassa. Ma se una grossa percentuale di cittadini andriesi si dimostrerà ancora “sporco” e continuerà ad abbandonare rifiuti per le strade, difficilmente un’amministrazione comunale avrebbe il “coraggio” di fare il salto di qualità. Perché a mancare sarebbe proprio la garanzia da parte dei cittadini. Questo per il semplice fatto che, pur avendo i suoi difetti, la politica si adatta in base a quelle che sono le abitudini della gente comune. Speriamo dunque che entro la fine di quest’anno la percentuale di raccolta differenziata porta a porta nel comune di Andria possa aumentare considerevolmente spingendo l’amministrazione a valutare definitivamente l’ipotesi dell’introduzione della tariffazione puntuale. Ma, checché ne dicano taluni, tutto dipenderà dai cittadini andriesi e da come la loro serietà possa trasformarsi in esigenza collettiva.

Nel frattempo, come già annunciato dall’amministrazione comunale in un comunicato diffuso alcune settimane fa, salgono a 500 euro, in misura fissa, le sanzioni per gli utenti che non effettuano la raccolta differenziata ed insozzano le periferie della città abbandonando i rifiuti lungo le strade. E’ quanto deciso dall’amministrazione comunale della città di Andria guidata dal Sindaco Nicola Giorgino.

La sanzione pecuniaria dunque quasi si triplica rispetto ai 177 euro attuali, e verrà applicata – come stabilisce la delibera di Giunta numero 155 del 13 ottobre scorso – per “tutti i casi di abbandono o di deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo ad opera di qualsivoglia soggetto”. La relativa ordinanza sindacale che, in esecuzione della delibera, permetterà al Corpo di Polizia Locale di elevare le contravvenzioni secondo i nuovi importi, è in via di adozione. Numerosi sono già gli interventi di denuncia con sanzione, ma evidentemente non bastano.

Non a caso, decine sono risultate le segnalazioni di rifiuti abbandonati nel territorio giunte in redazione con foto (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui).

Per il momento, purtroppo, non possiamo che constatare la presenza di ancora tanti, troppi rifiuti abbandonati nel comune di Andria. Come ad esempio segnalato da un cittadino in via Jacopo Beccari. E’ così che pretendiamo un futuro migliore e pulito per i nostri figli? La foto: