Andria: “la Provincia non ha soldi” e il Liceo classico si paga da solo i lavori di manutenzione “e i problemi non finiscono qui” – video

Soldi della scuola per sistemare la ringhiera: accade presso l’istituto “Carlo Troya” di Andria dopo le “ripetute ed inascoltate richieste all’ente locale“. Stando a quanto riportato nel corso di un servizio televisivo locale (che riportiamo qui sotto) infatti, lo storico liceo classico di Andria ha dovuto sborsare a sue spese le risorse economiche per intervenire tempestivamente alla messa in sicurezza della struttura viste e considerate le “spallucce” della Provincia di Barletta – Andria – Trani, che evidentemente si trova in una situazione di ristrettezze economiche dovute anche alle leggi governative che ne prevedono la lenta ma decisa chiusura con il trasferimento degli uffici nel sistema regionale. Tuttavia, la “spending review” sembra stia portando più danni che benefici alla comunità locale, che si vede così costretta a fare da se, senza il sostegno dell’ente provinciale che un tempo invece assicurava i lavori di manutenzione delle scuole. 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).

Un intervento dovuto, quello effettuato sulle ringhiere dell’istituto scolastico, per garantire la sicurezza sia degli studenti che dei pedoni all’esterno della scuola. In realtà, nel liceo classico, così come precisato dal Dirigente nel corso dell’intervista televisiva diffusa anche su YouTube, tra i vari problemi da risolvere, ci sarebbe anche quello riguardante le infiltrazioni. “Gli studenti si sono iscritti e hanno il diritto di frequentare la scuola, ma se non ci danno le istruzioni noi non sappiamo dove collocarli”. Il video diffuso sul canale YouTube dell’emittente televisiva Tele Dehon: