Lavoro stagionale: la strumentalizzazione demagogica sui lavoratori che restano a casa

Roma, 15 giugno 2021«Non possiamo restare silenti rispetto alla strumentalizzazione demagogica che sta maturando nel paese attorno alla favola dei 500mila posti disponibili e dei lavoratori che preferiscono restare a casa piuttosto che lavorare stagionalmente nel turismo, piuttosto bisognerebbe verificare le reali condizioni di lavoro proposte nel settore». Così il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini interviene al dibattito sulla carenza di manodopera specializzata nel comparto turistico:

«E’ paradossale, per chi segue questioni non di carattere teorico ma pratico che ai lavoratori del turismo venga proposto nella migliore delle ipotesi un contratto di lavoro part time a 20 ore quando gli orari di lavoro di fatto superano addirittura le 60 ore settimanali» ha stigmatizzato il sindacalista. «E’ presumibile – ha sottolineato – che questi contratti celino in realtà rapporti di lavoro grigi e addirittura in nero senza tralasciare il fatto che buona parte dei lavoratori stagionali vengono addirittura inquadrati con rapporti di stage o tirocini provenendo da percorsi scolastici dedicati». «Il turismo, così come il lavoro stagionale in senso ampio, merita uno statuto specifico. La Fisascat Cisl – ha chiosato Guarini – raccoglie la sfida di realizzare un osservatorio e un focus permanente sul mercato del lavoro nella stagionalità nel turismo e non». «Se vogliamo professionalizzare l’apporto del lavoro stagionale – ha concluso – dobbiamo riprendere il tema della destagionalizzazione e approntare quegli strumenti che il pubblico e privato possano mettere assieme per garantire il più possibile capacità reddituale alle professionalità che vi operano di modo che i lavoratori abbiano sempre più interesse non a scegliere tra il reddito di cittadinanza e il lavoro o tra il lavorare in Italia per pochi mesi o all’estero per periodi maggiori». Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.