Andria: rubate 35.000 barbatelle, l’azienda agricola: “il nostro futuro, ma non ci fermiamo”

“Siamo abituati ad utilizzare i nostri canali social per raccontare i nostri vini, i viaggi, le nostre – seppur modeste – imprese vitivinicole. Oggi però vogliamo rendervi parte di una notizia che ci ha lasciato senza parole e, lo ammettiamo, ci ha fatto anche molto male” – comincia così il post diffuso da un’impresa agricola del territorio che coinvolge un imprenditore di 82 anni, da 50 anni attivo nel settore vitivinicolo, vittima di furto di barbatelle avvenuto nei dintorni di Castel del Monte:

“L’ultimo atto di un progetto di #ricerca sulle varietà autoctone del territorio, Bombino Neroe Nero di Troia, iniziato agli inizi degli anni ’90 con la collaborazione del professor Scienza, proseguito con il CREA di Turi e giunto al momento dell’impianto della terza generazione delle selezioni massali individuate per fornire eccellente materia prima per i vini aziendali che esprimono le tre D.O.C.G. di Castel del Monte: Puer Apuliae Castel del Monte Nero di Troia Riserva, fresco di Tastevin della guida Vitae dell’A.I.S., Il Falcone Castel del Monte Rosso Riserva, vino simbolo della cantina, e il Pungirosa Castel del Monte Bombino Nero, rosato fresco e succoso di grande successo” – si legge nel post diffuso su Facebook che termina così:

“Dopo appena due giorni di lavoro l’amara sorpresa: 35.000 barbatelle ancora da impiantare sono state derubate da chi, introducendosi nella nostra cantina, ha messo a rischio l’intero progetto. Non un progetto qualunque. “Per chi ha commesso il furto si tratta solo merce da piazzare sul mercato nero, ma per noi e per l’intero territorio vitivinicolo quelle barbatelle rappresentano il futuro. Per fortuna non tutto è perduto perché il vivaio ne aveva ancora qualche migliaio da cui ripartiremo. Noi non ci fermiamo e non sarà di certo questo l’ultimo vigneto che io pianterò.”Da queste ripartiremo più determinati che mai”” – concludono. Un post che fa riflettere sulla sicurezza del territorio agricolo, nonostante oggetto di svariate menzioni ed iniziative a livello istituzionale, evidentemente necessitario. Riportiamo qui sotto il link al post diffuso su Facebook:

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL LINK AL POST PUBBLICATO SU FACEBOOK

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.