Andria: salvati altri due cani adulti ed altri undici cuccioli – i VIDEO e le FOTO – appello disperato dei volontari

In zona PIP ad Andria, nel pomeriggio dell’8 gennaio, alcuni volontari hanno tratto in salvo un’altra mamma cane con altri dieci cuccioli. Lo rende noto ancora una volta la volontaria animalista andriese Maria Mosca, che nella giornata di ieri aveva segnalato un’altra cucciolata in Contrada Troianelli. Anche in quel caso i cuccioli sono stati tutti salvati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa volta, la cucciolata, come abbiamo detto ben dieci cuccioli con la madre, è stata trovata molto più vicina del centro cittadino. Purtroppo ancora una volta i volontari hanno agito da soli, senza aiuti da parte delle istituzioni e utilizzando esclusivamente proprie risorse. Se la copiosa neve di questi giorni potrebbe risultare una giustificazione allo smistamento dei vari compiti degli enti preposti, non potrà esserlo per i prossimi giorni quando, con il ritorno alla normalità climatica, si potrà certamente (se qualcuno lo vorrà) cominciare a parlare in maniera completa di randagismo. Secondo quanto dichiarato dalla volontaria animalista, infatti, la presenza di quella cagna sarebbe già stata segnalata mesi fa, ma niente sterilizzazione. Il video che documenta il salvataggio (seguono dopo altre immagini, scorrete fino in fondo e vedrete):

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Andria sveglia

Posted by Maria Mosca on Sunday, January 8, 2017

Qui sotto le immagini del cane con i suoi cuccioli dopo il salvataggio, al calduccio grazie ai volontari:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ennesima cucciolata. …Segnalazione di questa mammina fatta ad ottobre…risultato? Niente sterilizzazione ed ecco qua altre 10 vite…10 nascite innocenti….Perché qui non funziona un c….

Posted by Maria Mosca on Sunday, January 8, 2017

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Credevate fosse finita? Invece no: oltre al cane con i dieci cuccioli e alla mamma cane con altri quattro cuccioli di ieri, è stato salvato anche un altro cane chiamato “Fulmine”. Il sospetto dei volontari è che possa trattarsi di una cucciolata precedente, le foto diffuse in un altro post di Maria Moscia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

Pensavate fosse finita?Invece no….
LUI È FULMINE…SARÀ SICURAMENTE FRUTTO DELLA CUCCIOLATA PRECEDENTE….DELLA…

Posted by Maria Mosca on Sunday, January 8, 2017

 

Per ultimo ma non meno importante, un quinto cucciolo appartenente alla cucciolata salvata ieri in contrada Troianelli. La mamma è stata individuata ma stando a quanto riportato dai volontari sui social non si farebbe avvicinare e i volontari stanno tentando di curarla a distanza. Il post:

 

Aggiornamenti….
X la mamma nulla da fare non si lascia avvicinare. ..Domani gli diamo almeno il farmaco è li…

Posted by Maria Mosca on Sunday, January 8, 2017

Come abbiamo riportato nel precedente articolo, la prevenzione attraverso continui controlli, abbinata alla collaborazione attiva di associazioni e volontari, potrebbe facilmente risolvere questa problematica che dura oramai da troppi anni. Andria ha un’estensione territoriale enorme, circa tre volte quella di Bari, e il fenomeno del randagismo comprende anche le contrade, come anche l’area turistica di Castel del Monte.

Al termine della scorsa estate, anche grazie all’intervento del prof. Francesco Martiradonna, gli uffici preposti avevano finalmente attuato un programma di gestione, cura e sterilizzazione dei randagi nella zona di Castel del Monte. Ma come documentato in questi giorni, ci sono ancora tanti, troppi cani non sterilizzati e randagi che durante il periodo invernale subiscono freddo e malattie.

L’appello alle istituzioni non vuole essere quindi una critica fine a se stessa o a speculazioni politiche (le poltrone non ci interessano e siamo certi, anche ai volontari che agiscono senza soldi e con risorse proprie) bensì ad attivarsi, magari anche con una tavola rotonda invitando associazioni animaliste ed ambientaliste e singoli cittadini, al fine di migliorare il programma di gestione e perché no, anche valutare l’ipotesi di recuperare una struttura di proprietà comunale per assistere gli animali in difficoltà come sostegno ai canili già esistenti. Ringrazierebbero sia gli animali che la cittadinanza intera.

Ricordiamo che che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui.)