Andria: sequestrato dai Carabinieri il feudo di “mammasantissima”, oltre un milione e mezzo di euro

Fin dalle prime luci dell’alba, ad Andria (BT), sono in corso le operazioni finalizzate all’esecuzione di una misura di prevenzione patrimoniale, da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e della locale Compagnia, emessa ai sensi della normativa antimafia dal Tribunale di Trani (BT), su proposta della D.D.A. di Bari, nei confronti di SGARAMELLA Riccardo, 63enne andriese, indagato per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e contrabbando di T.L.E., nonché imputato per estorsione aggravata dal metodo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti in contesto di c.o., attualmente detenuto in custodia cautelare presso la Casa circondariale di Trani. Personaggio dalla lunga carriera criminale, al punto di vedersi attribuito l’appellativo di “mammasantissima”, nel contesto delinquenziale di Andria e comuni limitrofi, proprio per il ruolo di vertice assunto in seno a diverse consorterie dedite allo smercio di stupefacenti.

Dalle indagini, emerge l’abilità e l’astuzia dello SGARAMELLA nel reimpiegare il denaro ricavato dallo smercio di stupefacenti e dal contrabbando di T.L.E. in attività imprenditoriali. Le ricchezze oggetto della misura ablativa, infatti, annoverano, nel comune di Andria:

un rinomato agriturismo con annesso ippodromo, sito in località Coda di Volpe;
un’azienda attiva nella produzione e nel commercio di ortofrutta;
numerosi fondi agricoli, destinati anche alla pastorizia, estesi complessivamente oltre 5 ettari;
un giardino zoologico esotico,
il tutto del valore totale stimato di oltre 1.500.000,00 euro.