Andria: si torna a parlare della Tangenziale Ovest “inutile e dannosa” per la lista Scossa Civica

“In questo periodo di piena campagna elettorale, la Candidate e i Candidati a ricoprire il ruolo di Sindaco di Andria, e le coalizioni che li sostengono, sono intensamente impegnati a elaborare programmi per la città futura e intervengono sui temi più vari, sulle emergenze, sulle prospettive. Ma c’è un tema assai rilevante che al momento non ha trovato spazio nel dibattito, ovvero la realizzazione della Bretella sud della SP 2 (progetto impropriamente definito ampliamento della Tangenziale Ovest). Si tratta di un’opera desueta, concepita da ANAS all’inizio degli anni ’80, ripescata dai cassetti e promossa dalla Provincia BAT, ritenuta da chi scrive inutile, dannosa, assolutamente sottostimata nei costi e ricca di implicazioni negative per il nostro territorio periurbano e per le valenze paesaggistiche che lo contraddistinguono” – così dal movimento politico Scossa Civica (che alle elezioni di settembre 2020 sosterrà la candidata Sindaco Giovanna Bruno attraverso una lista civica). Da Scossa Civica proseguono:

“Un po’ di storia. Le iniziative e gli incontri pubblici finalizzati alla corretta informazione del percorso amministrativo ricco di atti confusi e spesso carenti in diversi passaggi, promossi dalle Associazioni Italia Nostra, Legambiente, Forum Ambientalista, Urban Center, Comitato Liberi Agricoltori Andriesi e da alcuni cittadini, nonché i ricorsi presentati presso il TAR puglia e la Presidenza della Repubblica, hanno indotto il Consiglio Comunale, nella seduta del 15 aprile 2019, a dire NO ALL’UNANIMITÀ alla cosiddetta Tangenziale ovest e a dare mandato al Sindaco “di avviare ogni azione tesa alla non realizzazione di quest’opera, interloquendo con la Provincia, la Regione ed il Governo, affinché lo stanziamento economico previsto per quest’opera sia mantenuto e destinato all’adeguamento infrastrutturale del tratto della Sp2 esistente e funzionante”. Decaduti la Giunta e il Consiglio Comunale, il tema della Variante allo Strumento Urbanistico Vigente (atto fondamentale del procedimento in corso che potrebbe decretare la realizzazione o meno dell’opera) è stato sottoposto dalla Provincia BAT all’attenzione della gestione Commissariale, paventando il rischio di perdere i finanziamenti e l’avvio di eventuali ricorsi da parte della Ditta aggiudicataria delle opere. Nel corso di un incontro richiesto dai ricorrenti e dalle associazioni sopra citate, svoltosi il 19 dicembre 2019 presso gli uffici comunali, si è appreso che, anche su iniziativa dello stesso Commissario, Comune di Andria, Provincia BAT e la Regione Puglia in collaborazione con ASSET (Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio) hanno avviato tavoli di confronto al fine di verificare possibili alternative al tracciato contestato della nuova Bretella Sud della SP 2 e tenere in gran conto l’esigenza condivisa da più parti di adeguare e mettere in sicurezza l’attuale tracciato esistente” – ricordano da Scocca Civica. Il comunicato del movimento politico conclude così:

“Il Commissario, durante l’incontro ha asserito che l’approvazione o meno della Variante urbanistica relativa al progetto del nuovo tracciato stradale proposto, rappresenta un atto “straordinario” di natura politica, tecnica e amministrativa e non un “mero adempimento di natura tecnica” e pertanto sarà di esclusiva competenza del Consiglio Comunale che si insedierà a seguito delle prossime e imminenti elezioni. Sarà dunque compito dei prossimi amministratori prendere una decisione finale su questo tema spinoso, portando in all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale la Variante al PRG relativa alla realizzazione o meno della contestata Bretella Sud della SP2. Scossa Civica sollecita le Candidate e i Candidati alla carica di Sindaco di Andria e che in ogni caso saranno a capo delle forze di maggioranza e opposizione del prossimo Consiglio Comunale, a esplicitare in maniera chiara e prima del voto la loro posizione, alla luce di quanto sopra richiamato e in considerazione delle valutazioni a cui è pervenuta L’Agenzia ASSET sulla base della verifica dei costi reali della nuova realizzazione e dei confronti tecnico-economici tra le varie soluzioni considerate” – concludono da Scossa Civica.

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).