Andria Sotterranea: esplorando i camminamenti nascosti che da Piazza Catuma portavano alle antiche mura – il nuovo video diffuso da Italia Nostra

Tornano i nuovi appuntamenti alla riscoperta del patrimonio storico-culturale ideati e pubblicati dalla sezione andriese dell’associazione Italia Nostra:

Il dott. Di Gioia presso le antiche mura cinquecentesche di via Jannuzzi

Il video comincia presso i resti delle mura cinquecentesche della città. Proprio da questa zona della parte storica di Andria, il dott. Di Gioia parla di un’epoca in cui la città era probabilmente divisa in due blocchi. In un documento storico, si parla infatti dell’acquisto di un’abitazione “intra murum et muricinum” (che lascia intendere una zona fortificata periferica). Quelle costruire ad Andria sono mura – costruite con pietra calcarea e con calcarenite (tufo) edificate dopo l’avvento delle armi da fuoco e pertanto progettate per “slittare” i colpi. Nello specifico, si parla di mura prive di fossato ma con una profondità sotterranea notevole. E’ in questa area della città che sorge ancora oggi lo storico “Palazzo Jannuzzi“. L’esplorazione prosegue in via Belvedere (evidentemente chiamata così poiché, molto probabilmente, un tempo, da questa zona collinare era possibile persino vedere il mare). L’attenzione del dott. Di Gioia si sposta poi verso i resti delle vere e proprie mura della città (oggi note con il nome di “Porta Castello“) e di molto altro. C’è infatti una cantina molto interessante cui resti antichi sono situati nella zona di Piazza Catuma. Un antico sistema di raccolta d’acqua arricchisce il quadro in un contesto fatto anche di resti risalenti probabilmente risalenti all’epoca medievale. L’attenzione si focalizza poi in un’altra struttura sotterranea:

Si parla infatti di un vero e proprio camminamento utilizzato anticamente per la difesa della “Porta del Castello”. O almeno, questa è l’ipotesi di un contesto sotterraneo che necessita di una rivalutazione. Elementi che ci aiutano a comprendere le grandi potenzialità del patrimonio storico custodite ancora oggi sotto la superficie della città di Andria. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link al filmato diffuso diffuso su YouTube:

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.