Andria: tenta l’omicidio del marito con la complicità dell’amante, arrestati dalla Polizia di Stato

Volevano uccidere una guardia giurata e per questo sono stati arrestati. Il 22 maggio 2021, il personale in servizio presso il Commissariato Polizia di Stato di Andria, in esecuzione di un’ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Trani su richiesta di questo Ufficio, ha tratto in arresto una donna, L.R. classe 1972, responsabile di tentato omicidio in concorso con B.T., classe 1967, già in custodia cautelare carceraria per il medesimo reato:

Le indagini sono partite da una segnalazione inviata lo scorso 25 febbraio 2021 quando il Commissariato di PS di Andria veniva informato di una guardia giurata ferita giunta presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Andria. Le ferite confermavano un’aggressione avvenuta mediante coltello. Stando alla ricostruzione, la vittima dell’aggresione, D.M. classe 1972, era stata raggiunta ed aggredita da un soggetto con il volto travisato che, dopo essersi introdotto nella sua autovettura dal lato passeggero, prima lo ha minacciato di morte in dialetto andriese e poi lo ha colpito al collo con un coltello. Il tutto avveniva nel tragitto verso il luogo di lavoro della guardia giurata. Il tentato omicidio è stato sventato soltanto grazie alle tecniche di autodifesa della vittima:

Nella colluttazione D.M. ha scoperto il volto del suo aggressore, riconoscendo B.T., che si è dato alla precipitosa fuga continuando a minacciarlo di morte, mentre il malcapitato è rientrato nella propria abitazione dove è stato soccorso e trasportato presso il locale nosocomio, ricoverato nel reparto di rianimazione in prognosi riservata. Il giorno successivo all’evento, si sono sin da subito raccolti elementi decisivi a carico del responsabile dell’accoltellamento, sottoposto a perquisizione domiciliare e personale, che si è conclusa con esito positivo in quanto sono stati rinvenuti nella sua abitazione gli indumenti e le scarpe indossate all’atto dell’azione criminosa e che riportavano tracce ematiche.

L’ulteriore attività di indagine, tra cui intercettazioni, analisi di materiale informatico e interrogatori del correo, ha fornito altri significativi elementi che hanno consentito di affermare l’attivo coinvolgimento nella vicenda della moglie della vittima e hanno permesso di disvelare l’esistenza di una relazione extraconiugale tra la donna, ex badante della defunta moglie dell’esecutore materiale dell’accoltellamento, e B.T. , la quale costituiva la premessa ed il fondamento di un accordo tra i due finalizzato a liberarsi di D.M., cagionandone la morte, avendo la donna scoperto che il coniuge disponesse di un’ingente somma di denaro di cui le aveva taciuto l’esistenza costringendola, a suo dire, ad una vita di stenti e sacrifici. I due amanti inizialmente avevano cercato di rivolgersi a terzi da incaricare per il compimento dell’azione criminosa dietro corresponsione di una somma di denaro ma non ci sono riusciti.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.